La Rete Università

In che modo COVID ha influenzato l'iscrizione al semestre primaverile?

Le interruzioni indotte dal coronavirus nel semestre primaverile non hanno causato un numero insolito di studenti universitari di cambiare il loro stato di iscrizione, secondo un nuovo rapporto dal National Student Clearinghouse Research Center. 

Anche dopo la chiusura del campus, il numero di studenti che si sono ritirati dal college o hanno cambiato il loro stato di iscrizione da tempo pieno a tempo parziale erano per lo più coerenti con gli anni precedenti, secondo il rapporto. Nel complesso, questo è rimasto il caso indipendentemente dalla demografia degli studenti e dal tipo di istituto, compresi gli istituti che servono le minoranze, le istituzioni rurali o urbane, i college ad alto trasferimento o le comunità altamente professionali. 

"Poca o nessuna variazione nello stato di iscrizione è un segno rassicurante che la maggior parte degli studenti universitari è stata in grado di rimanere in corso durante i primi due mesi della pandemia", ha detto Doug Shapiro, direttore esecutivo del Clearinghouse Center, in un comunicato stampa

"Tuttavia, ci sono stati i primi segnali di impatti più ampi che sono in corso", ha aggiunto. "I dati rivelano l'emergere di modelli razziali ed etnici piccoli ma preoccupanti, poiché più studenti hanno preso congedo rispetto agli anni pre-pandemici, in particolare afroamericani e ispanici".

I periodi di assenza, in cui gli studenti non devono frequentare le lezioni per un determinato periodo di tempo, sono stati - e sono ancora - rari. Ma durante la pandemia, in particolare a marzo e aprile, sono diventati più comuni. 

Nel 2018 e nel 2019, lo 026 per cento di tutti gli studenti universitari ha preso un congedo. Questo numero è quasi raddoppiato allo 045 per cento nel 2020. Il numero di studenti neri e ispanici che hanno preso le foglie di assenza ha visto un aumento del 2020 del 206% e del 287%, rispettivamente, rispetto agli studenti bianchi e asiatici americani che hanno visto rispettivi aumenti del 70% e il 59 percento. 

Il rapporto rileva inoltre che, mentre i tassi di riduzione delle iscrizioni - studenti che passano da tempo pieno a tempo parziale - erano relativamente coerenti con i numeri pre-pandemici, gli studenti che hanno ridotto la loro intensità di iscrizione avevano maggiori probabilità di farlo più tardi nel termine, dopo la chiusura del campus. 

Nel 2018 e nel 2019, marzo è stato il mese più comune per gli studenti delle istituzioni pubbliche quadriennali per ridurre la loro intensità di iscrizione, secondo il rapporto. Nel 2020, quello si è spostato ad aprile.

La cosa più preoccupante, tuttavia, è che i tassi di nuove iscrizioni nell'aprile 2020 erano molto inferiori a quelli degli anni passati. Nel 2018 e nel 2019, circa 90,000 nuove iscrizioni sono state segnalate con una data di inizio ad aprile, secondo il rapporto. Quest'anno, quel numero è sceso drasticamente a solo 17,000. 

"Soprattutto quest'anno, in seguito ai massicci licenziamenti annunciati a marzo, ci si poteva aspettare che i nuovi disoccupati si affollassero verso istituti a scopo di lucro con termini flessibili o mensili, come principalmente istituti online", afferma il rapporto. "Tuttavia, in tutte le istituzioni, anche presso le principali istituzioni online, non vi è stato alcun segno di una crescita significativa delle nuove iscrizioni nel corso del periodo primaverile nel 2020. Piuttosto, i dati mostrano un numero molto inferiore di nuove iscrizioni riportate nell'aprile 2020 rispetto ad aprile degli anni precedenti “. 

Non è ancora chiaro, tuttavia, come sarà l'iscrizione in autunno. Una cosa è che gli studenti completino un semestre che è stato inaspettatamente colpito da un nuovo coronavirus. È un altro inizio di un nuovo semestre nel mezzo di una pandemia. 

Alcuni studenti sono stati costretti a farlo insicurezza alimentare e abitativa da COVID-19 e non possono più permettersi la loro istruzione. Altri hanno perso i membri della famiglia a causa del virus, costringendoli a rimanere a casa e provvedere alle loro famiglie. 

E mentre i college si chiedono se riportare o meno gli studenti al campus in autunno, alcuni studenti potrebbero sentirsi a disagio nel tornare a scuola con casi COVID-19 in corso negli Stati Uniti. E se le loro scuole scelgono di tenere lezioni completamente online e non abbassare i prezzi delle tasse scolastiche, gli studenti possono scegliere di prendere un anno sabbatico. 

La Rete Università