I ricercatori dell'Università del Wyoming analizzano gli effetti economici sulla produzione di idrogeno blu

I ricercatori dell’Università del Wyoming hanno rivelato uno studio sugli impatti economici degli incentivi federali sulla produzione di idrogeno blu. Questo studio fondamentale potrebbe aprire la strada a un’energia più economica e pulita, sostenendo l’ambiziosa Hydrogen Energy Earthshot Initiative del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Facendo un passo significativo verso un’energia più pulita e più conveniente, i ricercatori dell’Università del Wyoming hanno pubblicato uno studio che esamina le implicazioni economiche degli incentivi federali sulla produzione di idrogeno blu su larga scala. Si prevede che l’analisi, condotta da Haibo Zhai, Distinguished Chair in Engineering di Roy e Caryl Cline e professore di ingegneria ambientale presso l’Università del Wyoming, rivoluzionerà il futuro dell’energia dell’idrogeno.

L' studio, intitolato “Evoluzione tecnologica della produzione di idrogeno blu su larga scala verso l'energia dell'idrogeno statunitense Earthshot” e pubblicato sulla rivista Nature Communications, è stato scritto principalmente da Wanying Wu, uno studente di dottorato sotto la guida di Zhai. Offre una valutazione dettagliata dei vantaggi economici derivanti dall’implementazione di progetti sull’idrogeno blu e valuta il ruolo dei crediti d’imposta nella promozione di questa fonte di energia.

Lanciata nel 2021, l’iniziativa Energy Earthshots del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE) mira a rendere la produzione di idrogeno pulito più accessibile ed economica, mirando a un’ambiziosa riduzione dei costi di produzione dell’idrogeno a 1 dollaro al chilogrammo entro un decennio. L'obiettivo dell'iniziativa è stimolare innovazioni nelle soluzioni energetiche pulite sfruttando la tecnologia e le strategie economiche.

“Attualmente, il costo dell’idrogeno è elevato, soprattutto se prodotto da fonti rinnovabili”, ha detto Zhai in a comunicato stampa. “Tuttavia, l’idrogeno blu – ovvero l’idrogeno prodotto utilizzando combustibili fossili e abbinato al sequestro del carbonio – ha il potenziale per ridurre significativamente i costi di produzione, abbassare sostanzialmente le emissioni e supportare nuove opportunità economiche in linea con gli obiettivi dell’iniziativa Energy Earthshots in modo finché gli incentivi fiscali e i finanziamenti per le infrastrutture rimangono a disposizione degli sviluppatori tecnologici. Questo studio è un’importante istantanea di dove siamo e dove potremmo essere in futuro costruendo sistemi di idrogeno pulito”.

L’idrogeno blu rappresenta una soluzione promettente grazie al suo duplice vantaggio di efficienza in termini di costi e riduzione delle emissioni. I ricercatori hanno applicato curve di esperienza per stimare l’evoluzione dei costi e hanno esaminato ulteriormente gli effetti economici dei crediti d’imposta dell’Inflation Reduction Act per il sequestro del carbonio e la produzione di idrogeno pulito.

“Nei nostri modelli abbiamo concluso che la capacità di produzione cumulativa di pareggio richiesta affinché l’idrogeno blu basato sul gas raggiunga l’obiettivo di 1 dollaro al kg di H2 del DOE dipende fortemente dai crediti d’imposta, dai prezzi del gas naturale, dai tassi di inflazione, dalle incertezze sulla cattura del carbonio e dai tassi di apprendimento, "Aggiunse Zhai.

Nonostante queste variabili, lo studio deduce che i progetti su larga scala relativi all’idrogeno blu potrebbero mantenere la competitività dei costi e sperimentare riduzioni definitive dei costi, aiutati da estesi crediti d’imposta per il sequestro del carbonio.