La consapevolezza può migliorare le capacità di risoluzione dei problemi

La consapevolezza può aumentare la capacità di risolvere problemi di ingegneria del computer, secondo a recente studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Siviglia, in Spagna.

Il documento è pubblicato nel Journal of Systems and Software.

Cos'è la consapevolezza?

Nel campo della psicologia, la consapevolezza deve essere pienamente consapevole del presente. Il modo più comune per raggiungere la consapevolezza è meditare o prendere tempo per stare ancora in un posto calmo e in totale silenzio. Durante la meditazione, l'obiettivo è pensare a una cosa, di solito la respirazione.

Articoli studi neurologici mostrano che la meditazione stimola l'attività in aree del cervello collegate a diversi aspetti dell'attività mentale, come l'attenzione e la concentrazione. Per questo motivo, alcune aziende IT, come Google e Intel, offrono programmi di mindfulness ai propri dipendenti.

Beatriz Bernárdez, professore associato di ingegneria del software e sistemi informatici presso l'Università di Siviglia e coautore dello studio, è stato motivato dalla propria esperienza con consapevolezza. Dopo aver provato la meditazione Zen per la prima volta in un ritiro silenzioso in 2009, Bernárdez realizzato non solo benefici emotivi, ma anche intellettuali.

"Oltre ad essere più felice, ho notato un miglioramento della capacità di prendere decisioni e di analizzare le situazioni con maggiore chiarezza", ha detto Bernárdez. "Per questo motivo, ho pensato che i miei studenti di ingegneria del software potessero anche migliorare le loro abilità nel risolvere problemi" concettuali "attraverso la consapevolezza."

Lo studio

Dal momento che 2014, i ricercatori hanno condotto tre esperimenti per testare la relazione tra la meditazione e le abilità di problem-solving. In ciascun esperimento, hanno diviso studenti di ingegneria del software in due gruppi, sperimentali e di controllo.

Il primo esperimento è stato per quattro settimane mentre il secondo e il terzo esperimento sono stati per sei settimane ciascuno. Durante ciascun esperimento, gli studenti del gruppo sperimentale hanno preso parte a sessioni di consapevolezza tra 10 e 12 alla settimana.

Durante ogni sessione, gli studenti hanno prima eseguito una scansione del corpo di consapevolezza. Si esercitavano con attenzione concentrando la loro attenzione sul loro respiro e ignorando ogni distrazione, come pensieri, sentimenti o ricordi che gli venivano in mente.

"La meditazione che ho praticato con i miei studenti durante 4-6 settimane è orientata alla meditazione per educare l'attenzione, cercando di far concentrare gli studenti su una sola cosa - respirare - senza entrare in aspetti emotivi o affettivi", Bernárdez disse.

Dopo aver meditato, agli studenti è stato chiesto di fare esercizi di modellazione concettuale, che è un compito normalmente difficile che richiede abilità analitiche, comprensione della lettura e la capacità di classificare e organizzare i concetti.

Prima e dopo ogni sessione di consapevolezza, i ricercatori hanno misurato due variabili: l'efficacia (quanto bene gli studenti hanno svolto un compito) e l'efficienza (quanto velocemente hanno fatto la parte corretta).

Giudizio

I ricercatori hanno scoperto che gli studenti che praticavano la meditazione in tutti e tre gli esperimenti erano significativamente più veloci nel risolvere gli esercizi rispetto a quelli che non lo facevano.

Nel primo e nel secondo esperimento, gli studenti che praticavano la meditazione hanno risolto i problemi in modo più efficace di circa il 10%, ha detto Bernárdez. C'è stato anche un aumento dell'efficienza - di circa 37 nel primo esperimento e di circa il 46 per cento nel secondo esperimento - secondo Bernárdez.

I ricercatori affermano di aver trovato risultati molto pertinenti anche nel terzo esperimento. Tuttavia, non possono renderli pubblici fino a quando non ricevono l'accettazione per la pubblicazione dal Transazioni IEEE su giornale di ingegneria del software.

Tuttavia, mentre ogni esperimento mostra un miglioramento dalla meditazione, i ricercatori hanno visto un miglioramento sottile solo quando hanno confrontato i dati di tutti e tre gli esperimenti. Ritengono che ciò possa essere attribuito alla dimensione di ciascun campione, che è troppo piccolo per misurare il significato.

Il prossimo passo

I ricercatori sperano di replicare il loro esperimento in altre università per essere in grado di generalizzare le loro scoperte. Stanno discutendo con alcune aziende di Siviglia nella speranza di avviare studi empirici in società di sviluppo software.

La Rete Università