La Rete Università

I presidi di ammissione all'università spiegano cosa cercano nei candidati

I candidati al college degli Stati Uniti che sono preoccupati per le loro domande influenzate negativamente dalla pandemia di COVID-19 possono trovare conforto nel fatto che le ammissioni al college del paese decano in sintonia con ciò che stanno attraversando.

Un nuovo rilascio dichiarazione scritto da membri della Graduate School of Education di Harvard e co-firmato da più di 300 presidi di ammissione al college negli Stati Uniti sottolinea la loro intenzione di mostrare empatia durante la revisione dei candidati e offre informazioni su ciò che i dipartimenti di ammissione apprezzeranno. 

"Speriamo che questo documento allevierà un po 'lo stress che gli studenti e le famiglie stanno vivendo", recita la dichiarazione. "E speriamo che ci avvicinerà a un processo di ammissione al college più sano ed equo e che incoraggi i giovani a prendersi cura di se stessi e a costruire un mondo più sano, più umano e giusto".

Innanzitutto, i presidi incoraggiano i candidati a impegnarsi in se stessi. 

"Riconosciamo che molti studenti, che lottano economicamente e affrontano perdite e difficoltà di innumerevoli tipi, stanno semplicemente cercando di cavarsela", recita la dichiarazione. “Riconosciamo anche che questa volta è stressante e impegnativo per una vasta gamma di studenti per molte ragioni diverse. Incoraggiamo tutti gli studenti a essere gentili con se stessi durante questo periodo. "

In secondo luogo, i presidi spiegano di essere consapevoli del fatto che i candidati potrebbero aver dovuto affrontare molti ostacoli al loro lavoro accademico. Pertanto, intendono valutare appieno i risultati accademici degli studenti nel contesto di queste barriere. In particolare, i risultati accademici saranno valutati principalmente sulla base della prestazione dei candidati prima e dopo la pandemia, secondo la dichiarazione. 

"Nessuno studente sarà svantaggiato a causa di un cambiamento negli impegni o di un cambiamento nei piani a causa di questo focolaio, delle decisioni della sua scuola sulle trascrizioni, dell'assenza di test AP o IB, della loro mancanza di accesso a test standardizzati ... o dell'incapacità di visitare il campus ", Recita la dichiarazione. "Vedremo anche gli studenti nel contesto del curriculum, risorse accademiche e supporti a loro disposizione."

In terzo luogo, i decani esprimono che apprezzano gli atti di servizio e il contributo di coloro che sono in grado di aiutare gli altri nelle loro comunità. 

"Questa pandemia ha creato una vasta gamma di esigenze, sia per tutoraggio, ricerca di contatti, supporto per anziani o assistenza nella consegna di cibo", si legge nella nota. "Consideriamo la risposta a queste esigenze come un modo prezioso in cui gli studenti possono trascorrere il loro tempo durante questa pandemia." 

Inoltre, i decani spiegano che i dipartimenti di ammissione continueranno a valutare forme di contributo non correlate alla pandemia, come ad esempio lavorare per proteggere l'ambiente, combattere l'ingiustizia e le iniquità razziali, registrare gli elettori o bloccare le molestie online, tra le altre cose. 

E la dichiarazione chiarisce che gli ufficiali di ammissione non vogliono vedere un "servizio pubblico Olimpiadi", ma piuttosto contributi autentici e significativi di servizio. 

In quarto luogo, i decani spiegano che comprendono che alcuni candidati potrebbero aver visto aumentare i loro contributi familiari previsti nel corso della pandemia. Alcuni, ad esempio, potrebbero ora supervisionare i fratelli più piccoli, prendersi cura di parenti malati o lavorare per aiutare a provvedere alla famiglia.

"Consideriamo i contributi della famiglia sostanziali molto importanti e incoraggiamo gli studenti a segnalarli nelle loro domande", si legge nella dichiarazione. "Avrà un impatto positivo solo sulla revisione della loro applicazione."

Infine, i presidi affermano che "nessuno studente sarà svantaggiato per non impegnarsi in attività extracurriculari durante questo periodo".

Pertanto, i candidati non devono preoccuparsi di perdere i loro tirocini, lavori, campi o altre attività extracurriculari significative o impegni cancellati. 

I presidi suggeriscono che i candidati dovrebbero descrivere, nelle loro domande, come sono stati influenzati negativamente dalla pandemia di COVID-19. Se la mancanza di accesso a Internet, il fatto di non avere un posto tranquillo dove studiare o altre barriere hanno influito sul loro rendimento scolastico, ad esempio, incoraggiano gli studenti a scrivere di quelle esperienze. L'applicazione comune e l'applicazione Coalition for College attualmente offrono sezioni ai richiedenti per spiegare come sono state colpite dalla pandemia. 

La Rete Università