Perché la Gen Z è la generazione più stressata

I membri della generazione Z - quelli nati dalla metà degli anni '1990 all'inizio degli anni 2000 - riferiscono di avere uno stress peggiore di qualsiasi altra generazione, secondo un Relazione dell'American Psychological Association (APA).

In parte, questi elevati livelli di stress sono causati dal ciclo di notizie 24 / 7, che si concentra continuamente sulla violenza armata, sull'assalto sessuale e su altre tragedie.

Ma gli individui della Gen Z, molti dei quali sono al college, sono anche più stressati per i problemi personali, comprese le preoccupazioni per il denaro, il lavoro e la salute - mal di testa che, apparentemente, sono in circolazione da sempre.

Il sondaggio APA ha mostrato le risposte degli adulti 3,458 e degli adolescenti 300 di età compresa tra 15-17. Complessivamente, solo il 45 percento delle persone della Gen Z ha riferito di avere una salute mentale "molto buona", rispetto al 56 percento dei millenial, al 51 percento della Gen Xers, allo 70 percento dei baby boomer e all'73 percento degli anziani.

"Ci sono veri fattori di stress per i giovani adulti che penso che le generazioni più anziane non debbano provare", ha detto Vaile Wright, uno psicologo abilitato e ricercatore dell'APA.

Stressato sullo stato della nazione

Le sparatorie scolastiche, l'aumento dei tassi di suicidio, i cambiamenti climatici, l'immigrazione e le molestie sessuali dominano il ciclo di notizie 24 / 7.

La mancanza di notizie positive è sconcertante per quelli di tutte le generazioni, ma per i membri della Gen Z, ogni storia negativa è un promemoria del futuro che devono affrontare.

Successivamente, questo ha spinto molti giovani ad essere più attivi politicamente.

Agire fa sentire le persone più in controllo, il che aiuta a mitigare lo stress.

"Parte di ciò che causa l'aumento del livello di stress è il livello di incertezza su ciò che sta accadendo nel mondo", ha detto Wright.

"La sfida con l'incertezza è che ci ricorda tutte le cose che sono fuori dal nostro controllo", ha continuato. "Quindi, quando contribuiamo in modo alla nostra comunità, sia che stia prendendo iniziative attive per votare, che faccia volontariato in organizzazioni a livello di comunità o che partecipi a proteste, questi sono passi veramente attivi che le persone possono intraprendere per gestire il loro stress".

Tuttavia, nonostante la loro crescente passione, i Gen Z sono i meno inclini a votare.

Ciò è probabilmente dovuto alla mancanza di fiducia nell'istituzione del voto, ha affermato Wright. I giovani possono ora sentire che il modo più efficace per contribuire alla politica passa attraverso l'attivismo.

Stressanti della vita personale

I problemi personali, in particolare quelli relativi al denaro, al lavoro e alla salute, sono fattori di stress importanti per quasi tutti gli adulti, ma sono più comuni tra gli individui di razza Z.

Le preoccupazioni in termini di denaro incidono sulla percentuale di 81 di quelle nella Gen Z, rispetto alla percentuale di 64 degli adulti in generale. Il settantasette per cento dei Gen Zs riferisce di essere stressato sul lavoro, rispetto alla percentuale di 64 degli adulti in generale. E nonostante la loro giovinezza, la percentuale di 75 degli adulti di Gen Z riferisce di essere stressata per la loro salute, rispetto alla percentuale di 63 degli adulti in generale, secondo il rapporto.

Inserire la forza lavoro non è facile come una volta.

"In particolare con le generazioni più giovani, quello che stiamo vedendo sono persone che escono da scuola con livelli di debito più elevati rispetto alle generazioni precedenti", ha dichiarato Wright. "Spesso, i lavori che stanno intraprendendo non sono così remunerativi come nelle generazioni precedenti."

A causa di ciò, molti adulti di Gen Z finiscono per fare lavori collaterali, il che mette più stress su di loro perché continua quel livello di incertezza, ha detto Wright.

"Non sono sicuri da dove provengano i loro soldi, quanto saranno in grado di fare e se saranno in grado di pagare i loro conti", ha continuato.

Tuttavia, Wright riconosce che alcuni dei livelli più elevati di stress possono essere il risultato della giovinezza e dell'inesperienza.

"Sappiamo, attraverso i nostri sondaggi, che le generazioni più giovani, che si tratti della generazione Z o dei millenial, segnalano sempre livelli di stress più elevati, quindi un motivo in più potrebbe essere che, rispetto alle generazioni più anziane, le generazioni più giovani potrebbero non aver costruito l'insieme di capacità di coping necessarie per gestire efficacemente tutti i fattori di stress che stanno vivendo. "

Gestire lo stress

I geni Z sono più in contatto con il loro benessere mentale rispetto ai membri delle generazioni più anziane.

Mentre lo stigma che circonda la salute mentale inizia a svanire, più giovani sono disposti ad accettare i loro problemi di salute mentale e cercare aiuto, se necessario.

Tuttavia, molti di loro sono ancora in difficoltà. Secondo il rapporto, solo il 50 percento delle Z Z sembra che stia facendo abbastanza per affrontare la loro salute mentale.

Naturalmente, molti Gen Zs si rivolgono ai social media come meccanismo di supporto, ma questo aiuta solo 55 per cento di loro, secondo il rapporto. L'altra percentuale 45 afferma che i social media li fanno sentire giudicati.

Non è salutare per le persone essere costantemente connesse ai loro telefoni, ha detto Wright. Questo può far sentire gli individui isolati.

Invece, Wright consiglia ai giovani di adottare misure attive e impegnarsi nell'auto-cura per gestire la propria salute mentale.

"Se non possiamo prenderci cura di noi stessi, è difficile essere risolutori di problemi per altre persone o fare cambiamenti nel mondo", ha detto.

La Rete Università