Per salvare il pianeta, abbiamo bisogno di tutte le mani sul ponte

Pubblicato il:

aggiornato:

Le opinioni espresse sono proprie dell'autore e non riflettono necessariamente quelle dell'ONU o dei suoi membri.

Gli scienziati hanno dichiarato un codice rosso per quanto riguarda gli impatti dei cambiamenti climatici e abbiamo bisogno che tutti lavorino insieme per salvare il pianeta. Invece dell'approccio business-as-usual, abbiamo bisogno di soluzioni e politiche creative per realizzare uno sviluppo sostenibile.

Gli studenti, in particolare, hanno bisogno di migliori conoscenze e competenze per le soluzioni climatiche e altre sfide ambientali che porteranno a un'economia più sostenibile. Pertanto, le istituzioni educative hanno un ruolo unico ed essenziale, persino un dovere, per garantire che gli studenti abbiano le competenze per co-creare un futuro sostenibile.

Questo articolo è anche un invito all'azione per educatori e studenti di tutte le età a contribuire con casi di studio, progetti chiave di volta e ulteriore riflessione a nuovi modelli economici e di business per lo sviluppo sostenibile e riportare questi contributi su piattaforme come "Amo questo pianeta. "  

"Guerra sul pianeta"

Il mondo sta affrontando una serie senza precedenti di crisi spesso interconnesse - policrisi - a cominciare dalle tre crisi ambientali del cambiamento climatico, della biodiversità e dell'inquinamento, anche nei nostri oceani. Queste determinazioni sono rese evidenti dai rapporti dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), della Convention on Biological Diversity (CBD) e Conferenza delle Nazioni Unite per sostenere l'attuazione dell'SDG14

Come il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres lo mette, stiamo facendo la guerra al pianeta. Nel 2022, scienziati del clima avvertito che "qualsiasi ulteriore ritardo nell'azione globale concertata perderà una finestra breve e rapidamente chiusa per garantire un futuro vivibile". 

Queste crisi ambientali sono aggravate dalla pandemia sanitaria di COVID-19 e dalle crisi geopolitiche, compresa la guerra in Ucraina, che troppo spesso colpiscono maggiormente i più poveri. In effetti, la pandemia ha evidenziato come i gruppi emarginati come i giovani lavoratori, i migranti, le comunità remote e le donne siano colpiti in modo sproporzionato dalle crisi. 

Queste difficoltà esacerbare le loro condizioni preesistenti e l'esposizione a rischi economici e sociali e contribuiscono ad aumentare la disuguaglianza nella maggior parte dei paesi sviluppati e in molti paesi a medio reddito in tutto il mondo.

Tuttavia, abbiamo ancora una finestra di opportunità ristretta per rimettere le cose in carreggiata. Come il Club di Roma identificato, la “transizione è fattibile entro i confini planetari” se noi: 

  1. Investire massicciamente nelle energie rinnovabili;
  2. Investire massicciamente in agricoltura e sistemi alimentari sostenibili;
  3. Affrontare le disuguaglianze;
  4. Modificare i nostri modelli di sviluppo economico; e
  5. Garantire la parità di genere e l'istruzione di donne e ragazze. 

Per la maggior parte, siamo consapevoli di ciò che deve accadere. Dobbiamo riutilizzare i sussidi, che sono i più dannosi per l'ambiente, per sostenere le nuove economie. Dovremmo imporre un prezzo dissuasivo all'inquinamento per garantire parità di condizioni e rivedere politiche, pratiche e misure per garantire che sostengano in modo "coerente" modelli economici e investimenti allineati con il Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG)

In effetti, il modello economico dominante massimizza una delle tre dimensioni degli SDGs – l'economia – a scapito delle altre due – sociale e ambientale. Non dovrebbe quindi sorprendere che si stiano osservando compromessi tra gli SDG, impedendo progressi più rapidi. Questi scambi generalmente portano al progresso degli obiettivi economici (SDG 1, 7, 8 e 9) a scapito degli obiettivi ambientali e di uguaglianza (SDG 5, 6, 7, 9 e 10) e degli obiettivi di pace (SDG 16). 

Dove ci troviamo sugli SDG

Gli SDG e i suoi 17 obiettivi mondiali sono stati annunciati come gli obiettivi più ambiziosi che l'umanità si fosse prefissata. Forniscono inoltre una stella polare per lo sviluppo, un quadro e un linguaggio comune per promuovere obiettivi sociali, economici e ambientali correlati. 

Tuttavia, la crisi del costo della vita derivante dal cibo, dal carburante e dalle interruzioni finanziarie derivanti dalla policrisi ha creato una spirale discendente nei settori dell'alimentazione e della nutrizione, della salute, dell'istruzione, dell'ambiente, della pace e della sicurezza, mettendo seriamente in pericolo il raggiungimento di gli SDG. Il Rapporto delle Nazioni Unite sugli SDG 2022 dettaglia l'inversione dei progressi compiuti dall'adozione degli SDG nel 2015. 

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sostenuto in modo abbastanza eloquente che queste crisi non avrebbero avuto impatti così devastanti se avessimo investito e avanzato più rapidamente verso gli SDG. Infatti, anche prima della pandemia di COVID-19, il Rapporto sullo sviluppo sostenibile globale 2019 aveva documentato che gli obiettivi alimentari e agricoli (SDG2), disuguaglianza (SDG10) e ambientali (SGD da 11 a 15) stavano andando nella direzione sbagliata. Inoltre, nessuno degli SDG era sulla buona strada per essere raggiunto entro il 2030. 

La domanda è: perché non siamo progrediti di più? La risposta breve è un interesse acquisito nelle vecchie economie o ciò che chiamiamo economia politica, che traspare attraverso massicce attività di lobbying contro politiche che accelererebbero l'attuazione. Occorrono più metriche e sistemi di gestione per misurare e tenere conto delle esternalità ambientali e sociali positive associate a modelli economici alternativi. La mancanza di sistemi ne limita l'accesso ai finanziamenti insieme a un'interpretazione prudente delle società quotate. Inoltre, il dovere fiduciario dei loro consigli di amministrazione crede ancora nella massimizzazione dei rendimenti finanziari a breve termine per gli azionisti. 

Proprio come la massimizzazione dei profitti da sola non porterà a un processo decisionale equilibrato, misurare i progressi solo in termini di prodotto nazionale lordo (PIL) non porterà a politiche ottimali e alla definizione delle priorità da parte del settore pubblico. 

A tal proposito, il Segretario generale delle Nazioni Unite presenterà a breve agli Stati membri un quadro per integrare il PIL con sei grandi aree tematiche: rispetto della vita, del pianeta e dei suoi ecosistemi; economia responsabile ed etica; governance e istituzioni; dalla vulnerabilità alla resilienza; maggiore solidarietà per affrontare la disuguaglianza; e benessere, condizioni di vita, libero arbitrio e opportunità. 

Il prossimo passo sarà lo sviluppo di indicatori principali per queste sei aree che vadano oltre il reddito, oltre le medie e oltre il presente, e che mettano al centro le persone, il pianeta, la prosperità, la pace e le partnership. Il quadro mirerà inoltre a colmare le lacune nell'attuale PIL e a considerare le dimensioni ambientali, sociali, digitali, distributive e di vulnerabilità con l'obiettivo che le misure Oltre il PIL fungano da strumento per tutti i paesi per migliorare il processo decisionale al fine di sostenere il benessere essere dei popoli di tutto il mondo.

Ogni crisi ha i suoi lati positivi e la pandemia ha fatto luce sulle disuguaglianze intrinseche nelle nostre economie e ha portato in primo piano la necessità di costruire un futuro più resiliente, inclusivo e sostenibile codificato negli SDG. Continueremo a erodere la coesione sociale e la fiducia senza prestare maggiore attenzione all'uguaglianza e all'inclusività. Molti concordano anche sul fatto che abbiamo raggiunto un punto in cui l'inazione è più costosa che agire. 

Bando per una nuova economia per lo sviluppo sostenibile 

Tornare sulla buona strada per raggiungere l'Agenda 2030 e gli SDG e realizzare una ripresa resiliente, inclusiva e sostenibile dalla policrisi non avverrà attraverso un approccio normale. Non possiamo permetterci di sprecare un'altra crisi. Solo il 20% dei pacchetti di stimolo dopo le prime ondate della pandemia ha sostenuto queste economie alternative. Lo stimolo fornito con il denaro dei contribuenti deve accelerare la transizione verso modelli economici alternativi già esistenti che possano accelerarne la realizzazione.

Questi modelli aiutano ad affrontare i punti ciechi del modello economico dominante, le esternalità positive e negative non contabilizzate e il trattamento inadeguato degli impatti a lungo termine e intergenerazionali. Possono tenere conto dei rischi socioeconomici e politici interconnessi e della crescente volatilità. Tuttavia, tendono ad essere meno conosciuti e ricevono meno sostegno pubblico e investimenti privati. 

La maggior parte di noi ne ha sentito parlare chiede nuovi affari verdi, che estende l'approccio del "New Deal" statunitense di investimenti massicci in progetti infrastrutturali per creare posti di lavoro e far uscire l'economia statunitense dalla Grande Depressione per investire nell'economia verde e nei posti di lavoro verdi. Inoltre, si stanno compiendo progressi; ad esempio, la Commissione europea ha intrapreso un Green Deal europeo con investimenti e politiche di sostegno. 

Tuttavia, dobbiamo considerare se ciò sarà sufficiente se i paesi in via di sviluppo, dove attualmente viene emessa la maggior parte delle emissioni, hanno bisogno di più risorse e tecnologie per trasformare le loro economie. Parallelamente, dobbiamo investire oltre le infrastrutture per includere l'economia dell'assistenza per correggere l'uguaglianza di genere per garantire la ricostruzione di economie resilienti, inclusive e più eque. 

La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD) ha pertanto chiesto a Nuovo accordo verde globale (GGND) che include una dimensione di uguaglianza ed equità. Nell'ambito del GGND, la comunità internazionale dovrebbe affrontare le cause profonde della disuguaglianza, come il sistema finanziario e commerciale internazionale, e sostenere il trasferimento di tecnologie verdi e intelligenti per il clima nei paesi in via di sviluppo per favorirne la rapida adozione. In effetti, la maggior parte dei paesi in via di sviluppo ha un contributo insignificante al cambiamento climatico e sostiene l'onere dei costi di adattamento. Sostenere i paesi in via di sviluppo può essere una vendita complessa per i contribuenti nei paesi sviluppati poiché soffrono della pandemia e dell'inflazione. L'interdipendenza dei nostri sistemi economici, sanitari e ambientali richiede la solidarietà internazionale come consacrata nel principio di "responsabilità comune ma differenziata" sancito dagli Accordi sul clima. 

Poiché i nostri modelli economici, sanitari e migratori sono sempre più influenzati dal deterioramento ambientale, i New Deals devono essere estesi da solo verde a una pluralità di economie, tra cui le economie blu, circolari, viola, arancioni, sociali e solidali, frugali e gialle

Ad esempio, i Green New Deals investono in infrastrutture, creando posti di lavoro nel settore delle costruzioni dominato dagli uomini. La ripresa inclusiva richiede la creazione di posti di lavoro dignitosi per le donne, colpite più duramente dalla pandemia e dalla maggior parte degli shock. Pertanto, il New Deal deve investire nel porpora o l'economia dell'assistenza per ripristinare l'uguaglianza di genere, e si dovrebbe resistere alla tentazione di introdurre misure di austerità generali che tendono ad essere la moneta vincente dell'investimento nell'economia dell'assistenza e nei piani di protezione sociale. 

Analogamente, sociale e solidale organizzazioni che danno la priorità obiettivi sociali e ambientali che abbracciano obiettivi sociali espliciti e modelli di governance che includono gruppi che affrontano barriere a causa di genere, razza, capacità e classe economica sono cresciuti con la policrisi. 

Paesi come i piccoli Stati insulari in via di sviluppo hanno enormi risorse marine rispetto alla terra e hanno sostenuto un'economia blu

Il arancione offre opportunità economiche sproporzionate anche ai giovani duramente colpiti dalla pandemia. 

La circolare l'economia è stata anche proposta per rimanere entro i confini del pianeta, così come innovazione frugale che mira a ridurre le risorse utilizzate fornendo al tempo stesso un accesso accessibile ai servizi essenziali. 

Queste economie potrebbero aiutare i paesi in via di sviluppo, dove la maggior parte delle nuove infrastrutture deve ancora essere costruita, a contribuire alle mitigazioni ed evitare beni bloccati generando posti di lavoro altamente necessari nella nuova economia per sostituire quelli nelle vecchie economie mentre decarbonizziamo le nostre economie. 

Infine, poiché i modelli di business si basano sempre più sui flussi di dati, sull'apprendimento automatico e sull'intelligenza artificiale, quanto sopra deve essere studiato nel contesto dell'attenzione o dell'economia gialla. 

Il verde, blu, circolare, sociale e solidale, frugale, arancione, viola e giallo Le economie sono gli elementi costitutivi dell'iniziativa New Economics for Sustainable Development (NESD) della Rete di economisti delle Nazioni Unite (UNEN), che pubblicherà il suo rapporto nella primavera del 2023. Tuttavia, di seguito viene fornita una breve descrizione. 

L'economia blu o oceanica

La blue economy utilizza concetti simili alla green economy. Tuttavia, mira a realizzare il potenziale economico dell'oceano e dei mari, dei laghi, dei fiumi e di altre risorse acquatiche mantenendone la buona salute e la resilienza con l'effettiva partecipazione di tutte le parti interessate. 

L'economia blu inclusi pesca e acquacoltura, turismo costiero, trasporto marittimo, idrocarburi offshore ed energia rinnovabile, servizi ecosistemici e utilizzo potenziale delle risorse genetiche marine (per la prospezione). Questa economia è molto promettente per i piccoli Stati insulari in via di sviluppo (SIDS), i paesi costieri e altre nazioni insulari vulnerabili

L'economia circolare

L'economia circolare utilizza la scienza, la tecnologia, l'informazione e l'innovazione per aumentare l'efficienza attraverso la progettazione per la riciclabilità e il riutilizzo alla fine del ciclo di vita del prodotto, eliminando al contempo sprechi e inquinamento dal processo di produzione. Mira a produrre di più con meno rifiuti, risorse ed energia attraverso un modello circolare make-use-recycle-reuse. 

Molti paesi hanno abbracciato il concetto. Ad esempio, Usa l'Uganda tecnologia del biogas, gestione dei rifiuti elettronici, agricoltura biologica, produzione verde e parchi eco-industriali. 

L'economia sociale e solidale

Mentre l'economia sociale e solidale (SSE) utilizza anche l'energia imprenditoriale e creativa per risolvere le sfide sociali, pone le persone e gli obiettivi sociali prima della massimizzazione del profitto. Utilizza modelli di business più inclusivi e partecipativi, mettendo in comune le risorse, promuovendo economie di scala e potere contrattuale, con una più equa ridistribuzione dei ricavi. Promuove la prosperità condivisa con modelli di business di proprietà condivisa di beni e mezzi di produzione che incorporano meglio i gruppi emarginati nelle catene di approvvigionamento. A seconda delle circostanze nazionali, l'Economia Sociale e Solidale comprende cooperative, associazioni, mutue, fondazioni, imprese sociali, gruppi di auto-aiuto e altre entità che operano secondo i valori ei principi dell'Economia Sociale e Solidale. 

Promuove inoltre la cittadinanza attiva, la democrazia partecipativa e un'economia pluralistica e rafforza la coesione sociale, la responsabilità e il buon governo (SDG16). Essendo parte integrante delle loro comunità, queste organizzazioni hanno anche interesse a garantire l'integrità sociale ed ecologica delle comunità ospitanti a breve e lungo termine. 

Anche se SSE potrebbe non essere familiare a molti, 10 per cento della popolazione mondiale si stima che lavori per le cooperative. Le cooperative di credito hanno a base di appartenenza di 375 milioni di persone in 118 paesi e gestisce 3.2 trilioni di asset. Le compagnie di assicurazione mutualistica/cooperativa assicurano 922 milione di persone. Ci sono 260,000 fondazioni filantropiche In tutto il mondo.  

La task force delle Nazioni Unite sull'ESS carta recente fornisce esempi di SSE che promuovono ciascuno degli SDG con impatti significativi in ​​termini di occupazione, fornitura di servizi sociali, emancipazione delle donne, accesso a finanziamenti accessibili e sviluppo economico locale. Altrettanto importanti sono i benefici meno tangibili che coinvolgono la coesione sociale e la resilienza a livello di comunità, così come il processo decisionale partecipativo all'interno degli SSEOE e nel processo decisionale. Documenta anche la crescita del settore man mano che si sviluppano le crisi. 

A differenza di altre economie senza definizioni concordate, i membri dell'Organizzazione internazionale del lavoro hanno concordato una definizione di ESS nella loro Risoluzione sul lavoro dignitoso e l'economia sociale e solidale nel giugno 2022. 

Anche l'Unione europea, che conta 2.8 milioni di imprese e organizzazioni dell'ESS che creano 13.6 milioni di posti di lavoro e rappresenta l'8% del suo PIL, ha ha adottato un piano d'azione per l'ESS che mette le persone e il pianeta prima del profitto.

La raccomandazione dell'OCSE sull'ESS e l'innovazione sociale adottata lo scorso giugno trova che “l'economia sociale ha dimostrato di essere un pioniere nell'individuare e attuare innovazioni sociali e modi alternativi di organizzare le attività economiche. Le imprese sociali dimostrano che le imprese sostenibili sono fattibili”.

L'economia frugale

A differenza del più noto concetto di economia circolare, l'economia frugale mira a fare “meglio con meno” per i più poveri del pianeta. L'obiettivo è fornire prodotti, servizi e sistemi di alta qualità, robusti e sostenibili a consumatori a basso e medio reddito, a una frazione dei costi, attraverso la combinazione di margini bassi, modello di business ad alto volume, facilità di funzionalità e minimizzazione dell'utilizzo delle risorse (risorse materiali e finanziarie). Queste innovazioni dal basso, adattate alle situazioni locali, mirano a essere accessibili alla popolazione solitamente ignorata dal mercato, spesso chiamata la base della piramide. 

Tuttavia, l'innovazione frugale ha applicazioni al di là dei poveri. La pandemia di COVID-19 ha dimostrato che in tempi di scarsità, l'innovazione frugale può fornire soluzioni rapide e di alta qualità a una frazione dei costi, come le maschere subacquee convertite in respiratori da Decathlon. Queste innovazioni sono spesso fornite da startup e imprese sociali nei paesi in via di sviluppo e nelle comunità emarginate ma crescono altrove, smentendo che solo centinaia di milioni di R&S protetti dai diritti di proprietà intellettuale possono salvarci, soprattutto per gli SDG orfani come SDG2, 3, 4, 6 e 7. 

L'economia arancione o creativa

UNCTAD definisce industrie creative come cicli di creazione, produzione e distribuzione di beni e servizi che utilizzano la creatività e il capitale intellettuale come input primari. Come il resto dell'economia, fa sempre più affidamento sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) per consentire a innovatori e imprenditori, in particolare i nativi digitali, di offrire beni e servizi, tra cui pubblicità, architettura, arti e mestieri, design, moda, cinema , video, fotografia, musica, arti dello spettacolo, editoria, editoria elettronica, ricerca e sviluppo, software, giochi per computer e servizi televisivi e radiofonici. 

L'economia arancione rappresentata 3 e 21 percentuali delle esportazioni totali di merci e servizi, rispettivamente, nel 2020. Inoltre, le industrie culturali e creative forniscono 6.2 per cento di tutta l'occupazione, generando quasi 50 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo e impiegando più giovani (15-29 anni) rispetto ad altri settori. L'economia creativa promuove l'inclusione sociale, la diversità culturale e lo sviluppo umano. Può influenzare positivamente i valori, i consumi e le scelte di vita. Questa economia rende le industrie creative uno dei settori in più rapida crescita al mondo. 

L'economia viola o della cura

Non raggiungeremo la parità di genere se le donne continueranno a fornire la maggioranza (76%) dei servizi di assistenza non retribuiti e sottopagati (43%) in tutto il mondo. La pandemia ha messo in luce il disallineamento tra il valore dell'istruzione, della salute, dell'assistenza all'infanzia e agli anziani per le nostre società e il prezzo che siamo disposti a pagare alle donne primarie che forniscono questi servizi. 

Abbiamo anche bisogno di maggiori investimenti nell'economia viola per liberare il tempo delle ragazze e delle donne per l'occupazione, l'imprenditorialità e la partecipazione politica. Investire nell'economia della cura fa avanzare direttamente gli SDG 3 e 4 e crea posti di lavoro più dignitosi per la maggior parte delle donne del settore. Inoltre, genera benefici al di là dell'assistito (effetti moltiplicatori), estendendosi alla società ora e in futuro, affrontando contemporaneamente le disuguaglianze, in particolare le disuguaglianze di genere. 

Dobbiamo quindi sostenere collettivamente i costi dell'assistenza di qualità per tutti – come bene pubblico – internalizzando i costi dell'assistenza e proteggendoli dai tagli durante l'austerità economica. La regione dell'America Latina e dei Caraibi ha adottato a Agenda regionale di genere (RGA) promuovere i diritti delle donne, l'autonomia e l'uguaglianza di genere, con la cura al centro. 

L'economia gialla o dell'attenzione (chiamata anche economia della sorveglianza)

Mentre l'offerta di informazioni accessibili ha continuato a proliferare – i dati digitali raddoppiano all'incirca ogni due anni – la domanda di informazioni è limitata dalla nostra scarsa attenzione basata sul numero di ore al giorno. Sono state introdotte tecnologie di big data, intelligenza artificiale e apprendimento automatico per raccogliere e analizzare sistematicamente i dati sull'attenzione personale per affrontare la scarsità dell'attenzione umana. 

Questo gran numero di punti dati sugli utenti delle piattaforme digitali viene venduto a utenti esterni (in particolare agli inserzionisti) a scopo di lucro senza molte normative per proteggere gli utenti che sono per lo più ignari dei dati raccolti e venduti. Poiché gli inserzionisti pagano in funzione degli spettatori (attenzione), l'obiettivo è massimizzare il coinvolgimento nei contenuti (ad esempio, video su YouTube e feed su Facebook). Questo modello di business basato sulla massimizzazione del tempo trascorso su una piattaforma avviene sempre più a scapito del benessere di un individuo.

Tuttavia, ha anche un impatto sulla società in quanto i contenuti "incendiari, controversi o polarizzanti" creano più coinvolgimento e vengono promossi ai vertici. La ricerca mostra che una maggiore esposizione a contenuti dannosi, spesso basati su informazioni false, compromette in modo significativo il processo decisionale consapevole e può creare dipendenza. Ad esempio, essere incessantemente esposti a questi contenuti ha finito per desensibilizzarli, normalizzandoli con il rischio di radicalizzazione.

Questa corsa alla nostra attenzione influisce profondamente sulla psiche umana, influenzando le convinzioni delle persone e il modo in cui si relazionano con il mondo fisico e creando un senso di sovraccarico di informazioni. Può portare a un aumento del comportamento autoritario e della sorveglianza da parte dei poteri dominanti, che possono influenzare in modo significativo il comportamento umano controllando il flusso di informazioni e sfruttando le vulnerabilità umane. Sono in corso sforzi per proteggere meglio i consumatori attraverso regolamenti (ad esempio, il regolamento generale sulla protezione dei dati dell'UE), per offrire una migliore governance dei dati, per aumentare l'alfabetizzazione dell'attenzione e per sviluppare principi etici per programmatori, agenzie pubblicitarie e piattaforme. 

NESD richiede modelli di business alternativi 

Gli SDG forniscono ai settori privato e finanziario un quadro per allineare le pratiche con gli SDG, costringendoci ad adottare un approccio sistemico ai problemi, in modo che le sinergie e i compromessi tra gli SDG e i loro obiettivi siano considerati sin dalla fase di progettazione. 

Tuttavia, le aziende hanno ancora bisogno di aiuto per adattare i loro modelli di business per ridurre i compromessi per far avanzare gli SDG senza regredire sugli altri. La polarizzazione delle pratiche ambientali, sociali e di governance negli Stati Uniti e la rifocalizzazione sulla sicurezza nazionale complicano ancora di più le cose. 

Sono necessari modelli di business alternativi non solo per eliminare i compromessi, ma anche per trarre vantaggio dalle sinergie, aprendo un terreno fertile per l'innovazione per incorporare NESD nell'operazione, come nella produzione di scarpe ad alte prestazioni con meno rifiuti, ad esempio. Se basato su un'innovazione frugale, può portare a soluzioni alla portata di tutti, garantendo opportunità giuste ed eque per tutti. 

Finora, le interruzioni provengono principalmente da startup e imprenditori orientati allo scopo. Questi gruppi tendono ad essere più agili nel far ruotare i propri modelli di business e sono più propensi ad adottarne di inclusivi. Tuttavia, devono affrontare più reti, accesso ai finanziamenti e altre sfide, in particolare donne e giovani. 

Dobbiamo sensibilizzare, sostenere e fornire formazione su concetti e opportunità circolari, frugali, verdi e blu a imprenditori, startup e micro-piccole e medie imprese. Questo supporto ci consentirà di costruire e riutilizzare le innovazioni tecnologiche e sociali esistenti per fornire soluzioni convenienti e meno dispendiose in termini di risorse su larga scala e catturare la loro quota dei 12 trilioni di dollari in opportunità commerciali associate al raggiungimento degli SDG. 

Come i governi possono plasmare il NESD

Per implementare soluzioni su larga scala, sono necessarie partnership con governi, banche di sviluppo e aziende più giganti per condividere risorse e conoscenze. Co-creano modelli di business a beneficio di interi settori (e popolazioni). 

I governi svolgono un ruolo cruciale nel fornire le politiche e l'ambiente che inquadrano le norme sociali e culturali a favore di queste nuove economie e nel rafforzare l'ecosistema affinché possano crescere.

I governi possono anche creare un ecosistema di supporto per catalizzare l'innovazione e ispirare modelli di business partecipativi, verdi, blu, circolari e frugali, supportando incubatori e centri di accelerazione. I governi possono anche promuovere gli ecosistemi imprenditoriali, facilitando gli scambi con le università e tra le entità mainstream e NESD e dedicando una quota dei loro appalti alle entità NESD, come ha fatto la Francia con la sua politica SSE. 

Un altro elemento fondamentale è riutilizzare i sussidi a sostegno di nuovi modelli economici. Ad esempio, l'annuale $ 640 miliardi in combustibili fossili e $ 540 sussidi agricoli (soprattutto nei paesi sviluppati) contribuiscono a rendere meno competitive le energie rinnovabili e l'agricoltura sostenibile. L'ottantasette per cento dei sussidi agricoli è considerato dannoso per l'ambiente e un totale di 1.8 miliardi in sovvenzioni dannose viene fornito ai produttori in tutti i settori dell'economia. Riutilizzarli per sostenere le energie rinnovabili, l'agricoltura sostenibile e la produzione inclusiva farebbe molto per livellare il campo di gioco con NESD. 

Allo stesso modo, le agevolazioni fiscali storicamente riservate alle organizzazioni non profit potrebbero essere estese a entità economiche che mirano a fornire ritorni e profitti economici, sociali e ambientali. In un mondo perfetto, i sussidi sarebbero commisurati a quante esternalità sociali e ambientali positive vengono prodotte. Mentre è soprattutto la volontà politica a mancare della capacità sovvenzionata di evitare l'inquinamento ambientale, nel caso dei co-benefici sociali, mancano le misure e gli indicatori appropriati e gli effetti moltiplicatori/ritorni economici a lungo termine. 

Incentivi e garanzie per gli investitori e le banche per investire in imprenditori sociali e sostenibili e MPMI sono un altro modo per alleviare l'accesso limitato ai finanziamenti di questi modelli meno conosciuti e sottofinanziati. Subordinando queste garanzie alla divulgazione di un nucleo di indicatori sociali e ambientali, come il 33 indicatori principali sviluppato dall'International Standard on Accounting and Reporting, consentirebbe a investitori e consumatori di confrontare le società. 

La R&S dovrebbe inoltre essere allineata con gli impegni sugli SDG e produrre revisioni volontarie nazionali significative che riflettano le priorità della popolazione sulla base di una consultazione completa. Davvero, "revisioni nazionali volontarie” già prodotti da tutti i paesi tranne cinque – Haiti, Myanmar, Sud Sudan, Yemen e Stati Uniti – rappresentano, nelle parole del responsabile della sostenibilità di Nozozyme, “la migliore previsione a lungo termine mai messa di fronte al business”. 

Anche il decentramento del processo decisionale e la collaborazione con le autorità locali possono accelerare lo sviluppo e la diffusione di soluzioni innovative.

Questi sono alcuni strumenti politici che i governi possono utilizzare o sviluppare per livellare il gioco e ridimensionare il NESD. Altri esempi possono essere trovati nei documenti citati sopra.

In che modo gli educatori e le istituzioni educative possono modellare e ridimensionare il NESD

Esempi di modelli di business alternativi, spesso adattati al loro ambiente locale, che sono presenti in tutte le regioni del mondo dovrebbero essere documentati e socializzati da business school e università per accelerare l'adozione di questi modelli attraverso capstone, case study e altri progetti. 

Allo stesso modo, gli istituti di istruzione superiore e i gruppi di riflessione sono i migliori partner per lo sviluppo di metodi e metriche per misurare e monitorare le esternalità sociali e ambientali positive prodotte da questi modelli.

La generazione della giustizia climatica sta spingendo sempre più i governi e gli imprenditori a creare un futuro costruito sulla solidarietà, l'uguaglianza e il rispetto per l'ambiente. È fondamentale ispirare i giovani con la visione di NESD e fornire loro le conoscenze, le capacità tecniche e le qualità di leadership necessarie per scalare queste soluzioni.

Un curriculum che aumenti l'esposizione e prepari gli studenti a rispondere al cambiamento climatico e ad altre sfide mondiali farebbe molto. Ad esempio, le università hanno creato nuovi corsi per ispirare approfondimenti più precisi sull'economia sociale o sull'imprenditoria sociale. Ciò ha generato nuove tassonomie, un ambiente politico più ottimizzato e una migliore comprensione da parte del pubblico delle organizzazioni guidate da valori. Questa consapevolezza ha attratto e formato giovani, nuovi leader con competenze per far crescere l'economia sociale.

Le scuole e gli istituti di istruzione superiore possono anche fornire capacità tecnica e formazione agli imprenditori sociali e sostenibili, sensibilizzandoli sulle opportunità commerciali. Questo supporto può essere fornito fornendo allo stesso tempo esperienza ed esposizione agli studenti attraverso un intero approccio universitario come quello sviluppato dal Partenariato globale per la povertà e l'imprenditorialità fuori dall'Università di Notre Dame. 

Gli studenti devono anche acquisire un più forte senso dell'etica, la capacità di collaborare e co-creare, una mentalità imprenditoriale, la capacità di far fronte a maggiori incertezze e rischi e l'esposizione alle economie emergenti con la più grande popolazione e crescita economica. 

Come gli studenti possono far progredire il NESD

L'ambizione dell'economia sociale di guidare una transizione verde inclusiva è sempre più in sintonia con i giovani che, nelle parole del Commissione indipendente per l'uguaglianza sostenibile (ICSE), “dovrà sostenere il costo delle generazioni passate che vivono al di sopra dei mezzi del pianeta”. 

Ci sono diverse azioni che gli studenti possono intraprendere per accelerare la transizione e possedere il NESD, alcune delle quali sono elencate di seguito: 

  • Questa generazione vedrà il trasferimento di ricchezza più significativo di sempre; assicurarsi che questa ricchezza sia investita nel NESD.
  • Chiedi alla tua scuola o università di aumentare la copertura degli SDG e delle sfide del cambiamento climatico nel curriculum.
  • Chiedi alla tua scuola o università di includere nel curriculum l'attenzione all'alfabetizzazione economica.
  • Insisti sul fatto che la tua chiave di volta, i casi di studio e altri progetti mirano a documentare i modelli di business NESD nei paesi sviluppati e in via di sviluppo.
  • Insisti affinché la tua tesi o ricerca sia una misurazione avanzata di compromessi o sinergie tra gli SDG nei paesi sviluppati e in via di sviluppo o per studiare modelli per mitigare i rischi e fornire assicurazioni a paesi o popolazioni altamente vulnerabili.
  • Chiedi alla tua scuola o università di includere classi multidisciplinari più applicate.
  • Invita il tuo college o università a firmare il Università positive per la natura impegno.
  • Invita il tuo college o università a unirsi al Iniziativa sostenibile per l'istruzione superiore.
  • Sostenere la difesa della diversità nei consigli di amministrazione, compresi i giovani, e avere competenze ESG.
  • Chiedi alla tua scuola o università di aiutarti a popolare i 169 obiettivi SDG.

Conclusione

In un contesto politico favorevole, possiamo raggiungere una massa critica. Al contrario, questo NESD passa dal margine al mainstream con un cambiamento nella mentalità di consumatori, produttori e investitori, rendendosi conto che possiamo fare bene facendo del bene e creando valore economico, sociale e ambientale a breve e lungo termine. 

L'attivismo dei dipendenti è già in aumento, con la fidelizzazione dei talenti legata alla visione e allo scopo delle aziende. Maggiore visibilità e ritorni documentati – in termini economici, ambientali e sociali – dei nuovi modelli economici rafforzerebbero il rapport de force. 

Per un cambiamento di successo, i governi e il settore privato devono bilanciare meglio il benessere e la sostenibilità con il profitto e la crescita, come fanno gli attori sociali e di solidarietà.


Dott.ssa Chantal Line Carpentier è Capo della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) presso l'Ufficio del Segretario Generale di New York, Fellow World Academy of Art and Science. 

Prova GRATUITA di 6 mesi

Quindi, goditi Amazon Prime a metà prezzo - 50% di sconto!

TUN AI – Il tuo assistente educativo

TUNAI

Sono qui per aiutarti con borse di studio, ricerca universitaria, lezioni online, aiuti finanziari, scelta delle specializzazioni, ammissione all'università e consigli di studio!

La Rete Università