Un nuovo rapporto collega il cambiamento climatico a problemi di salute, morte prematura

Secondo le Nazioni Unite Organizzazione Meteorologica Mondiale, 2018 ha segnato il quarto anno più caldo mai registrato per la Terra.

Nonostante alcuni che potrebbero ancora non essere d'accordo, il Studio sull'attribuzione del tempo mondiale per l'Europa settentrionale è emerso che l'ondata di caldo di questa estate era il doppio delle probabilità che si verificasse a causa dei cambiamenti climatici causati dall'uomo.

Tra le città globali 478 intervistate nel rapporto, la percentuale di 51 si aspetta che i cambiamenti climatici compromettano seriamente la loro infrastruttura di salute pubblica.

Le ondate di calore stanno portando seri rischi per la salute, portando spesso a morti premature, un nuovo studio confermato.

I ricercatori hanno contribuito al Rapporto 2018 of the Lancet Countdown: monitoraggio dei progressi in materia di salute e cambiamenti climatici trovato che l'aumento della temperatura può causare stress da calore e morti premature.

I principali medici, accademici e professionisti delle politiche delle organizzazioni 27 hanno contribuito all'analisi e condotto congiuntamente lo studio. I partner alla base della ricerca includono l'Istituto internazionale per l'analisi dei sistemi applicati (IIASA), la Banca mondiale, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l'University College di Londra e l'Università Tsinghua, tra gli altri.

La carta è pubblicata in The Lancet.

"L'intero studio esamina le conseguenze dei cambiamenti climatici sulla salute umana, in senso molto ampio, dallo stress da calore, dagli eventi meteorologici estremi, dalle malattie ecc., Ma anche dalle attività che causano i cambiamenti climatici, come l'inquinamento atmosferico coeminato da fossili combustione del carburante ", ha detto Gregor Kiesewetter, un ricercatore IIASA che ha guidato un team dal programma di ricerca sull'inquinamento atmosferico e sui gas serra.

Stress termico

Mentre la temperatura è aumentata, lo studio ha rilevato che il calore che sentiamo è molto più caldo rispetto all'aumento della temperatura effettiva.

Il cambiamento di temperatura globale medio a cui sono esposti gli esseri umani è più del doppio del cambiamento medio globale, con temperature in aumento di 0.8 gradi centigradi rispetto a 0.3 gradi centigradi.

Lo studio dimostra che 157 milioni di persone sono state sottoposte a un'ondata di caldo in 2017 rispetto a 2000 e 18 milioni in più rispetto a 2016. Nonostante quanto negli ultimi anni sia diventato normale lo stress da calore, gli attuali sistemi sanitari non sono in grado di far fronte.

Infografica: Madeclear

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le persone anziane sono più vulnerabili agli eccessi di calore. In Europa e nel Mediterraneo orientale, i luoghi con l'invecchiamento delle popolazioni che vivono nelle città, il 42 percento e il 43 percento degli over-65s sono vulnerabili al calore, rispettivamente.

In Africa e in Asia, la percentuale di 38 e la percentuale di 34 sono rispettivamente vulnerabili.

“Lo stress da caldo sta colpendo duramente, in particolare tra gli anziani urbani e quelli con condizioni di salute sottostanti come malattie cardiovascolari, diabete o malattie renali croniche. A temperature elevate, il lavoro all'aperto, soprattutto in agricoltura, è pericoloso ", Hugh Montgomery, co-presidente di The Lancet Conto alla rovescia su salute e cambiamenti climatici e direttore dell'Istituto per la salute umana e le prestazioni, University College di Londra, ha detto in una dichiarazione.

"Aree dall'Inghilterra settentrionale e dalla California, fino all'Australia, stanno assistendo a incendi violenti con morte diretta, spostamento e perdita di alloggi, nonché impatti respiratori causati dall'inalazione di fumo".

Però, i Alice McGushin, membro della segreteria di Lancet Countdown, avverte che tutti, compresi anche gli studenti universitari sani e giovani, sono tutti coinvolti.

"È importante seguire le istruzioni dei sistemi di informazione sulla salute pubblica dei governi locali", ha affermato McGushin.

"Possono avvisarti, ad esempio, quando le temperature sono abbastanza calde da aumentare il rischio di malattie legate al calore e consigliarti di adottare misure, come stare fuori dal calore, mantenere l'ambiente fresco e assicurarti che i tuoi normali farmaci siano memorizzato sotto i gradi 25. "

Calore e inquinamento atmosferico

Lo studio mostra che il calore esacerba fortemente l'inquinamento atmosferico urbano, con il 97 percentuale di città nei paesi a reddito medio-basso che non rispettano le linee guida sulla qualità dell'aria dell'OMS.

In 2015, l'inquinamento atmosferico ha causato diversi milioni di morti premature a livello globale. I risultati hanno confermato le valutazioni precedenti.

La scoperta più interessante dello studio di quest'anno è stata che il carbone da solo rappresenta il 16 per cento dei decessi prematuri dovuti all'inquinamento, attorno a 460,000.

Infografica: Madeclear

Il team di Kiesewetter ha utilizzato il modello GAINS, sviluppato da IIASA, che calcola le emissioni dei precursori di particelle in base a una ripartizione dettagliata dei settori economici e dei combustibili utilizzati.

Grafico: IIASA

Il grafico mostra che i grandi contributi all'inquinamento dell'aria ambientale provengono dal settore residenziale, principalmente da combustibili solidi come la biomassa e il carbone. Anche l'industria, la produzione di elettricità, i trasporti e l'agricoltura sono importanti contributori.

Secondo Kiesewetter, la categoria "altro" nel grafico include principalmente particelle naturali, come polvere di terra e sale marino, ma anche fonti di inquinamento antropogeniche che non rientrano in nessuna altra categoria elencata, come barbecue e fuochi d'artificio.

Inoltre, lo studio ha rilevato che l'aumento delle temperature e il calore fuori stagione sono responsabili non solo dello stress da calore e dell'inquinamento atmosferico, ma anche della diffusione di colera e dengue, con una capacità vettoriale per la loro trasmissione in aumento in molte aree endemiche.

Infografica: Madeclear

Possibili soluzioni

I ricercatori dicono che sono necessari provvedimenti urgenti per proteggere le persone dagli impatti dei cambiamenti climatici.

In una dichiarazione, il team ha sottolineato che l'eliminazione graduale dell'uso del carbone è un "intervento cruciale di non rimpianto per la salute pubblica".

Mentre il carbone dovrebbe essere un obiettivo chiave per l'eliminazione graduale nelle famiglie e nella generazione di elettricità poiché è altamente inquinante, non è tutto ciò che dovrebbe essere fatto.

"L'attribuzione mostra che purtroppo un approccio mirato a un singolo settore o carburante non risolverà il problema: l'inquinamento atmosferico è una questione multiforme che necessita di strategie integrate che interessano molti settori, che differiranno da paese a paese", ha detto Kiesewetter in una dichiarazione.

"Questo è ciò che facciamo tipicamente con il modello GAINS regionale e locale: dare consigli ai responsabili politici sugli approcci più efficienti per affrontare l'inquinamento atmosferico nelle loro specifiche impostazioni".

In particolare, sono necessarie norme più rigide sul lavoro per proteggere i lavoratori dagli eccessi di calore e dagli ospedali, e i sistemi sanitari su cui ci basiamo devono essere meglio equipaggiati per il caldo estremo in modo che siano in grado di far fronte.

"Dobbiamo impedire che il cambiamento climatico continui senza sosta riducendo le emissioni di gas serra e dobbiamo anche adattare i nostri sistemi sanitari per essere preparati con i cambiamenti nei modelli di malattie che vedremo", ha affermato McGushin.

Ma il rapporto sottolinea che la riduzione delle emissioni di gas serra è la soluzione definitiva per aumentare la temperatura. Se non vengono abbattuti, gli attuali cambiamenti climatici e il calore supereranno anche i sistemi più potenti.

“Il mondo deve ancora ridurre efficacemente le proprie emissioni. La velocità del cambiamento climatico minaccia la nostra vita e quella dei nostri figli. Seguendo le tendenze attuali, esauriamo il nostro budget di carbonio necessario per mantenere il riscaldamento sotto i due gradi entro il 2032 ", Anthony Costello, co-presidente di The Lancet Countdown, ha detto in una dichiarazione.

"L'impatto sulla salute dei cambiamenti climatici oltre questo livello sopra questo livello minaccia di sopraffare i nostri servizi di emergenza e sanitari".

Il prossimo passo

Secondo Kiesewetter, i ricercatori dell'IIASA esamineranno se altri combustibili fossili, non solo il carbone, contribuiscono all'inquinamento atmosferico causando morti.

Progettano inoltre di eseguire un'analisi all'indietro dei cambiamenti storici dei livelli di inquinamento atmosferico attribuendo le tendenze a tendenze macroeconomiche, cambiamenti nella struttura del carburante e politiche di controllo dell'inquinamento atmosferico. Si aspettano di trovare i possibili benefici per la salute dei trasferimenti di carburante che hanno già avuto luogo.

Infine, stanno progettando di studiare i futuri scenari di decarbonizzazione per analizzare possibili percorsi verso la sostenibilità e quantificare i loro benefici attesi per la salute umana.

La Rete Università