Singing As Therapy: Choir for People with Parkinson's Disease della Northern Arizona University

The Mountain Tremors, coro della Northern Arizona University a Flagstaff, Arizona, aiuta i residenti con Parkinson tengono a bada gli effetti dannosi della malattia. Il morbo di Parkinson è un disturbo del movimento progressivo attualmente classificato come malattia neurologica incurabile. Nel tempo, la malattia erode la capacità di muoversi, parlare, pensare ed emotare. Mentre il Parkinson non è un disturbo della comunicazione, coloro che soffrono della malattia sono trattenuti nella loro comunicazione perché partecipare alla loro comunità diventa una sfida.

I Crepacci di Montagna sono stati avviati due anni fa da Fe Murray, assistente di professione clinica presso la Dipartimento di Scienze e Disordini della Comunicazione (CSD) alla NAU, su richiesta del direttore della clinica CSD Kim Farinella, per aiutare i residenti locali affetti da Parkinson. A partire da questo autunno, tuttavia, il coro sarà aperto ai residenti con tutte le menomazioni neurologiche.

Attualmente, il coro è composto sia da residenti con malattia di Parkinson che da docenti e studenti di CSD e NAU Scuola di Musica.

"Questo gruppo mi ha insegnato l'importanza della comunità per le persone con disabilità neurologiche", ha detto Murray a The University Network (TUN).

Ci riuniamo e l'unica cosa che molti di noi hanno in comune è la musica. Spesso vengono con voci molto morbide e ovattate, con un discorso monotono, che è tipico di questo disturbo, ma quando cantano, lasciano andare e proiettano davvero le loro voci, si articolano chiaramente e muovono le loro voci su e giù per la scala; è una vera trasformazione!

Il coro offre uno spazio sicuro, divertente e affidabile per i residenti con Parkinson. "Molti di loro hanno difficoltà a controllare volontariamente i loro movimenti motori necessari per camminare e persino in piedi, quindi alcuni di loro non vogliono uscire di casa", ha spiegato Murray. “Il coro offre loro un posto dove andare, qualcosa da fare che non vedono l'ora ogni settimana. Inoltre, la ricerca mostra che l'esercizio fisico può rallentare, arrestare e persino invertire alcuni dei sintomi. Tuttavia, spesso le persone con Parkinson non hanno l'autocoscienza per vedere come stanno cambiando e potrebbero non avere la motivazione per agire su questi sintomi, quindi il loro gruppo di supporto è importante. "

Il coro è un luogo per melodie armoniose e per esercitarsi a stare al passo con un gruppo più ampio. Aiuta i membri a concentrarsi sulla loro postura, controllo del respiro, qualità vocale, volume e articolazione, che di solito viene migliorata con l'aiuto delle istruzioni. Per un paziente con Parkinson, cantare da solo sotto la doccia potrebbe non essere così vantaggioso come cantare in un coro con pratiche settimanali e un programma che li aiuta a lavorare su problemi con cui lottano.

"I tuoi muscoli stanno lavorando, il tuo cervello sta lavorando con l'apprendimento di nuove cose e la tua voce sta diventando più forte perché devi esercitarla", ha dichiarato Valerie Carter, professore di terapia fisica alla NAU, in una nota. “Ecco perché il coro è così eccezionale. Devi cantare ad alta voce. Devi cantare in campo, si spera. Devi ascoltare, devi mettere in pausa. Queste sono tutte cose con cui le persone con Parkinson lottano, ma se praticano possono effettivamente superare gli individui sani di controllo. "

Il coro si affida ai partecipanti degli studenti per aiutare quei membri con Parkinson, che potrebbero non avere alcuna esperienza di canto. “Stiamo lavorando principalmente con persone nei loro 60 e precedenti; alcuni di loro non hanno esperienze musicali formali oltre a cantare sotto la doccia o in macchina ", ha detto Murray a TUN. “Iniziamo le prove con allungamenti ed esercizi di riscaldamento vocale. Questi esercizi sono condotti da studenti del nostro programma di direzione corale. Studenti laureati e laureandi nel dipartimento di scienze e disturbi della comunicazione partecipano incoraggiando una buona igiene vocale, come l'idratazione, e incoraggiando la partecipazione dei clienti e monitorando la loro resistenza e altri sintomi fisici. "

Secondo Murray, è importante per le persone con Parkinson "massimizzare il movimento funzionale generale e migliorare la qualità della vita", quindi raccomanda loro di "uscire e unirsi a un gruppo di supporto, una lezione di yoga, un coro, qualsiasi attività che li porterà fuori tra le altre persone. "

"Il Parkinson può essere una condizione molto solitaria, ma più persone socializzano e sono attive, migliore sarebbe la qualità generale della vita", ha detto Murray a TUN.

La Rete Università