Man mano che la salute mentale degli studenti peggiora, le università si sforzano di aiutare

I giovani adulti di oggi, molti dei quali sono al college, hanno una salute mentale peggiore rispetto a qualsiasi generazione prima di loro. I tassi di suicidio tra gli americani di età compresa tra 15-24 sono aumentati del 51 percento negli ultimi dieci anni, secondo il CDC

E quando si aggiungono le pressioni accademiche, sociali e finanziarie di andare al college, insieme al fatto che molti studenti escono di casa per vivere per la prima volta, le cose peggiorano ancora. 

Attualmente, il 36 percento degli studenti universitari si qualifica come depresso, il 31 percento ha un'ansia da moderata a grave e il 14 percento ha considerato suicidio nell'ultimo anno, secondo l'ultimo Studio di Healthy Minds Network (HMN), che ha intervistato più di studenti 62,000 che frequentano college e università negli Stati Uniti.

Oltre ad essere soffocante e sconfiggente, vivere con una cattiva salute mentale ostacola la capacità di uno studente di avere successo accademicamente. Spesso porta ad abbassare gli appalti pubblici e persino la disiscrizione. In effetti, a Rapporto HMN mostra che gli studenti con problemi di salute mentale hanno il doppio delle probabilità di lasciare il college prima di laurearsi. 

E troppo spesso, gli studenti di tutto il mondo che lottano per la loro salute mentale non riescono a cercare un aiuto adeguato. O imbottigliano le loro emozioni o indovinano se la loro situazione è abbastanza grave da giustificare una visita in terapia o consulenza. 

Emmanuel Mennesson è uno di questi studenti. Disse Time Magazine che dopo essere arrivato alla McGill University, ha iniziato a sviluppare sintomi di ansia e depressione ma era troppo orgoglioso per cercare una consulenza. Poco dopo, fu sopraffatto, vide i suoi voti iniziare a scivolare e alla fine si ritirò dalla scuola. "Mi vergognavo totalmente di quello che è successo", ha detto. "Non volevo deludere i miei genitori, quindi mi sono ritirato verso l'interno." 

Quindi, per anni, college e università hanno fatto molti sforzi per far sentire gli studenti più a loro agio nel farsi avanti e chiedere aiuto. 

Per ridurre lo stigma legato alla salute mentale, alcuni presidenti di college hanno persino condiviso pubblicamente le proprie esperienze combattendo con depressione, ansia, suicidio e altro ancora.

A carta scritto dagli autori dello studio HMN sottolinea che Santa Ono, l'attuale presidente dell'Università della Columbia Britannica ed ex presidente dell'Università di Cincinnati, ha parlato pubblicamente in occasione di eventi e ha scritto sui social media di lottare contro la depressione mentre era uno studente universitario, dicendo: "Qualcuno era lì per me per aiutarmi ... con i farmaci e anche vedere un professionista che mi aiutasse nei momenti bui della mia vita. C'è luce alla fine del tunnel. " 

E Robert Nelsen, presidente della Sacramento State University, e sua moglie hanno parlato pubblicamente della perdita del figlio a causa del suicidio e hanno collaborato con l'università per costruire iniziative di prevenzione del suicidio come Invia Imballaggio silenzioso.  

In parte a causa di sforzi come questi e quelli che li hanno preceduti, negli ultimi dieci anni college e università hanno riscontrato un certo successo nell'incoraggiare un numero maggiore di studenti a frequentare la consulenza e la terapia. UN rapporto del Center for Collegiate Mental Health (CCMH) della Penn State University scoperto che tra 2009 e 2015, l'uso da parte degli studenti di centri di consulenza è aumentato in media del 30-40 percento negli Stati Uniti.

Tuttavia, poiché sempre più studenti si sono sentiti a proprio agio nel farsi avanti, è sorto un nuovo problema. I centri di consulenza universitaria non hanno tutti il ​​personale e le risorse per ospitarli.

Nel 2016, subito dopo che i centri di consulenza hanno registrato un afflusso di presenze del 30-40%, l'Association for University and College Counseling Center Director (AUCCCD) trovato che l'università media aveva un solo consulente professionale per ogni studente 1,737 per l'anno scolastico 2015-2016. E chiaramente, questo non è un rapporto efficace. 

I college e le università hanno compiuto sforzi significativi per assumere più consulenti da allora, ma i centri di consulenza universitaria hanno ancora problemi a dare a ogni studente un'attenzione adeguata. Ci sono molte storie horror di studenti che acquisiscono la fiducia necessaria per chiedere aiuto, solo per essere messi in una lista d'attesa o spesso fatti per riprogrammare i loro appuntamenti. 

CCMH di Penn State rapporto più recente fa luce su questo problema. 

"[C] i centri di consulenza stanno facendo tutto il possibile per soddisfare la crescente domanda di assistenza, come dare priorità al rapido accesso alle cure", ha affermato Ben Locke, direttore esecutivo di CCMH, in un dichiarazione

Tuttavia, di conseguenza, gli studenti stanno sperimentando meno trattamenti e servizi meno efficaci. 

"(Le istituzioni) non devono dimenticare che abbiamo lavorato attivamente per creare la domanda che stiamo vedendo e il nostro primo lavoro è quello di aumentare rapidamente la capacità di servizio al fine di supportare e trattare efficacemente gli studenti che vengono identificati e indirizzati", ha continuato Locke. 

Alcune scuole hanno già adottato misure per farlo. 

Ad esempio, l'Università del Texas presso il presidente di Austin Gregory L. Fenves ha finanziato in via permanente la Programma Counselors in Academic Residence (CARE), che mette i consulenti all'interno di dipartimenti, unità o college in modo che possano effettivamente diventare membri di quelle piccole comunità e fornire assistenza agli studenti della comunità in loco. Facendo parte delle singole comunità, i consulenti possono anche condividere informazioni con docenti, consulenti accademici e presidi all'interno delle comunità che interagiscono regolarmente con gli studenti. 

“Per gli studenti avere successo negli accademici e nella vita oltre il college, la salute mentale è importante tanto quanto la salute fisica. Tocca ogni aspetto della vita e ci riguarda tutti ", ha detto Fenves al team di ricerca HMN. 

L'UCLA ora offre agli studenti la possibilità di schermare, monitorare e curare la loro depressione attraverso il suo nuovo Programma di screening e trattamento per ansia e depressione (STAND). Gli studenti creano un account online, controllano i sintomi e ricevono un aiuto immediato per la salute mentale se ne hanno bisogno. 

Gli studenti della Ohio State University stanno attualmente sviluppando un'app per il benessere mentale ciò aiuterebbe i loro coetanei a educare se stessi sui problemi che stanno affrontando e su come potrebbero meglio cercare aiuto. L'app, una volta sviluppata, sarà pre-scaricata sugli iPad che ogni Buckeye in arrivo riceve all'inizio dell'anno scolastico. In questo modo, aiuta anche a abbattere lo stigma attaccato alla salute mentale. 

Rutgers University ora offre Alloggio di recupero, che è un posto per gli studenti che si stanno riprendendo dalla dipendenza da alcol e droghe per stare con una comunità solidale. 

E molte università negli Stati Uniti si sono rivolte a una piattaforma online chiamata TU al college, che gli studenti possono utilizzare per connettersi con le risorse del campus e partecipare a sondaggi personalizzati che possono aiutarli a verificare con se stessi accademicamente ed emotivamente. 

Questi sono solo alcuni dei passi che le università e le università stanno intraprendendo e ci si aspetta che vengano nuove idee. Dopotutto, college e università hanno la responsabilità di creare una nuova generazione di leader. Per raggiungere il loro pieno potenziale, gli studenti devono essere sani, mentalmente.

La Rete Università