La Rete Università

Le migliori università si uniscono per affrontare la necessità di etica nella tecnologia

In 2019, un anno in cui le persone passano la maggior parte delle ore di veglia a guardare gli schermi, è sicuro dire che la società si evolve intorno alla tecnologia. E per la prima volta, quasi tutti dipendono dalle creazioni (dispositivi, applicazioni e software) che non hanno idea di come costruire o persino operare.

Quindi le persone si affidano a scienziati e tecnologi informatici all'avanguardia, tipicamente insegnate in prestigiose università, per creare i loro smartphone, costruire le loro reti multimediali online e introdurre concetti innovativi che nemmeno il Dr. Emmett Brown di "Back To The Future" non poteva sognare di creazione.

Ma, molto spesso, i tecnologi vengono insegnati in un silo, dove si concentrano solo sull'innovazione e il profitto. Non sono incaricati di prendere in considerazione le implicazioni etiche delle loro decisioni - ad esempio, il recente scandalo sulla privacy di Facebook.

Ciò lascia pericolosamente disconnesso la società.

Avvocati, politici ed educatori, che sono in gran parte insegnati a considerare la giustizia sociale e il bene pubblico, generalmente sanno molto poco sulla tecnologia e l'informatica. E ai tecnologi viene insegnato raramente come pensare come umanitari.

Ma una nuova coorte di importanti università e organizzazioni ha collaborato per affrontare questo divario. Insieme, stanno lavorando per assicurarsi che l'interesse pubblico e il bene sociale abbiano la priorità nella tecnologia e nell'informatica nella stessa misura in cui sono nella legge e nelle discipline umanistiche.

La nuova organizzazione, chiamata Rete di università di tecnologia di interesse pubblico, è composto da college e università 21, tra cui Stanford, Georgetown, Harvard, Howard e Massachusetts Institute of Technology (MIT), tra gli altri. È stato lanciato con il supporto di Ford Foundation, New America e Hewlett Foundation.

"La tecnologia ha un incredibile potenziale per risolvere alcune delle sfide più urgenti della nostra società, oltre a creare grandi nuovi problemi da affrontare" Anne-Marie Slaughter, l'amministratore delegato di New America, ha dichiarato in una nota. "In entrambi i casi, abbiamo bisogno di tanti tecnologi come avvocati ed economisti che lavorano nell'interesse pubblico, e questa rete di college e università contribuirà a costruire una nuova generazione di tecnologi formati per far avanzare il bene pubblico".

E man mano che la tecnologia diventa sempre più diffusa, è inevitabile che i tecnologi saranno presto seduti accanto ai responsabili delle decisioni nei sistemi e nelle società governative, ha suggerito Jenny Toomey, direttore del programma internazionale della Ford Foundation.

"Ma la vera domanda è che, quando avremo effettivamente i tecnologi in tutti i posti che dovranno essere, saranno i giusti tipi di tecnologi?", Ha continuato. "Significativo, saranno tecnologi che sono efficaci nel tradurre la tecnologia e lavorare in una politica, ONG o ambiente legale. Faranno il loro lavoro per il bene pubblico o pensano solo all'innovazione? "

Fino ad oggi, la maggior parte delle università non aveva sentito il bisogno di integrare la tecnologia con l'etica e le discipline umanistiche.

Gli studenti che uscivano dal MIT con una laurea in scienze informatiche arrotolata in mano non potevano immaginare di usare le loro abilità da nessuna parte se non in pura informatica, in una startup o in una società, ha detto Toomey.

Ma, in tutti i settori, c'è una crescente domanda di professionisti a tutto tondo con capacità di pensiero intersezionale - una domanda che era stata lasciata in gran parte non indirizzata fino a questa partnership.

Eppure, non esiste una ricetta formale di ciò che ogni università dovrebbe fare per costruire tecnologi di interesse pubblico migliori, ha detto Toomey.

Ma questo è ciò su cui si basa questa partnership, esplorando e valutando le potenziali soluzioni, alcune delle quali sono già in corso.

Georgetown e il MIT offrono ora un corso congiunto in diritto e tecnologia, in cui gli studenti di informatica del MIT e gli studenti di giurisprudenza di Georgetown lavorano insieme per analizzare i problemi del mondo reale che circondano la tecnologia. Insieme, escogitano soluzioni e leggi che affrontano i problemi.

"Gli studenti che escono da queste classi stanno diventando incredibilmente interessanti lavori intersezionali - il tipo che speravamo che la gente potesse ottenere", ha detto Toomey.

Ma c'è ancora esitazione dai tradizionalisti.

Alcuni studenti di informatica di grande talento sono stati dissuasi dal seguire il corso perché i professori di ruolo suggerirebbero che è inutile che gli studenti di informatica del MIT sprechino anche un solo credito su qualcosa di diverso dall'informatica, ha detto Toomey.

"È stato questo incredibile campanello d'allarme", ha detto Toomey.

Le università hanno iniziato a incoraggiare il pensiero intersezionalista.  

Ma fortunatamente, questo sta iniziando a cambiare.

L'Università della California Berkeley, ad esempio, ha già creato una serie di corsi sulla scienza dei dati che includono la formazione sull'etica e la filosofia.  

Ma questo è solo l'inizio. Come membri di questa rete, tutte le università 21 si sono impegnate a lanciare iniziative campus che promuovono la tecnologia di interesse pubblico e formano la prossima generazione di informatici.

"Riteniamo che un elemento essenziale per promuovere la giustizia sociale sia garantire che la tecnologia sia una forza per il bene pubblico", ha dichiarato Darren Walker, presidente della Fondazione Ford.

"Questi college e università stanno aprendo nuovi orizzonti e mirabilmente impostando l'agenda per il settore dell'istruzione superiore".

La Rete Università