Riproduzione del corallo sulla Grande Barriera Corallina cade 89% dopo ripetuti sbiancamenti

Riproduzione del corallo sulla Grande Barriera Corallina cade 89% dopo ripetuti sbiancamenti

Il severo e ripetuto sbiancamento della Grande Barriera Corallina non ha solo danneggiato i coralli, ha ridotto la capacità di recupero della barriera corallina.

La nostra ricerca, pubblicato oggi su Nature, sono stati trovati molti meno coralli piccoli di quelli necessari per rimpiazzare il gran numero di coralli adulti morti. La velocità con cui i coralli piccoli si stanno depositando sulla Grande Barriera Corallina è diminuita di quasi il 90% da 2016.

Mentre il corallo non muore sempre dopo lo sbiancamento, lo sbiancamento ripetuto lo ha ucciso un gran numero di coralli. Questa nuova ricerca ha implicazioni negative per la capacità della barriera corallina di riprendersi dalle alte temperature oceaniche.

Come recupera il corallo

La maggior parte dei coralli si riproduce per "la deposizione delle uova": Rilasciando migliaia di bundle stretti e galleggianti con notevole sincronizzazione. I fasci esplodono quando colpiscono la superficie dell'oceano, rilasciando uova e / o sperma. Le uova fecondate si sviluppano in larve mentre vengono spostate dalle correnti oceaniche. Le larve si insediano in nuovi luoghi, formando colonie di coralli completamente nuove. Questo "reclutamento" dei coralli è essenziale per il recupero della barriera corallina.

Il gruppo di ricerca, guidato dal mio collega Terry Hughes del Centro di eccellenza ARC per gli Studi sulla barriera corallina, ha misurato i tassi di reclutamento dei coralli attaccando piccole placche di argilla alla barriera corallina poco prima della prevista generazione di massa ogni anno. Questi pannelli di insediamento rappresentano un habitat standardizzato che consente un migliore rilevamento delle reclute di corallo, che sono solo di dimensioni 1-2mm.

Quasi le tessere 1,000 sono state dispiegate su scogliere ampiamente separate 17 dopo il recente sbiancamento di massa, negli ultimi 2016 e 2017. Dopo otto settimane sono stati raccolti e controllati con attenzione al microscopio per contare il numero di reclute di corallo appena insediate. Le stime risultanti sul reclutamento del corallo sono state confrontate con i tassi di reclutamento registrati nell'arco di due decenni prima del recente sbiancamento.

Accademia australiana delle scienze

I tassi di reclutamento dei coralli registrati all'indomani del recente sbiancamento dei coralli erano solo del 11% dei livelli registrati nei decenni precedenti. Considerando che ci sono stati più di 40 reclute di corallo per piastrella prima dello sbiancamento, c'era una media di appena cinque reclute di corallo per piastrella negli ultimi due anni.

Resistenza alla barriera corallina

La Grande barriera corallina (GBR) è il più grande sistema di barriera corallina del mondo. Le grandi dimensioni complessive e l'elevato numero di barriere coralline distinte forniscono un cuscinetto contro la maggior parte dei disturbi. Anche se grandi tratti del GBR sono disturbati, ci sono buone probabilità che almeno alcune aree abbiano riserve sane di coralli adulti, che rappresentano una fonte di nuove larve per consentire il rifornimento e il recupero.

Le larve prodotte dalla deposizione di coralli su una barriera corallina possono depositarsi su altre scogliere vicine per rimpiazzare efficacemente i coralli persi a disturbi localizzati.

È rassicurante che ci sia almeno un nuovo reclutamento di coralli all'indomani dello sbiancamento severo e della mortalità di massa dei coralli adulti sulla GBR. Tuttavia, la riduzione sostanziale e diffusa della ricrescita indica l'entità del disturbo causato dalle recenti ondate di calore.

La diminuzione dei tassi di reclutamento dei coralli era maggiore nelle parti settentrionali della GBR. Questo è dove lo sbiancamento era più pronunciato in 2016 e 2017e ci fu la più grande perdita di coralli adulti. Ci sono stati decrementi molto più moderati nel reclutamento dei coralli nella GBR meridionale, che riflette la maggiore abbondanza di coralli adulti in queste aree. Tuttavia, le correnti meridionali prevalenti (e le grandi distanze coinvolte) rendono molto improbabile che le larve di corallo provenienti dalle parti meridionali del Reef si spostino naturalmente verso le zone settentrionali più colpite.

È difficile dire quanto tempo ci vorrà affinché i coralli assemblati si riprendano dal recente sbiancamento di massa. Quel che è certo è che bassi livelli di reclutamento dei coralli limiteranno il recupero dei coralli e aumenteranno notevolmente i tempi di recupero. Qualsiasi ulteriore sviluppo su larga scala riduce notevolmente la copertura corallina e ostacola il recupero.

Ridurre le emissioni di carbonio

Questo studio evidenzia ulteriormente la vulnerabilità delle barriere coralline al riscaldamento globale continuo e in corso. Non solo i coralli adulti si sbiancano e muoiono se esposti a temperature elevate, ciò impedisce il nuovo reclutamento dei coralli e mina la resilienza dell'ecosistema.

L'unico modo per rimediare efficacemente al riscaldamento globale è ridurre immediatamente e sostanzialmente le emissioni globali di carbonio. Ciò richiede che tutti i paesi, inclusa l'Australia, rinnovino e rafforzino i loro impegni nei confronti dell'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

Mentre è necessaria un'ulteriore gestione per ridurre al minimo la pressione umana più diretta sulle barriere coralline, come ad esempio deflusso di sedimenti e inquinamento - tutti questi sforzi saranno inutili se non affrontiamo i cambiamenti climatici globali.The Conversation

Autore: Morgan Pratchett, Professore, Centro di eccellenza ARC per studi sulla barriera corallina, James Cook University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

La Rete Università