L'esposizione alla natura aumenta la salute mentale degli abitanti delle città

Pubblicato il:

aggiornato:

Un team di ricercatori guidato dal King's College di Londra, Regno Unito, lo ha fatto essere trovato che l'esposizione alla natura nelle città aumenta i livelli di benessere mentale di una persona. Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato un'app per smartphone che hanno sviluppato per misurare l'esperienza di una persona della vita in città nel momento.

Lo studio è stato una collaborazione interdisciplinare tra i ricercatori del King's College di Londra, gli architetti paesaggisti J & L Gibbons e la fondazione d'arte Nomad Projects.

Lo studio è pubblicato in BioScience.

Città più malate

Secondo il Nazioni unite, più della metà della popolazione mondiale vive nelle città. Entro il 2050, quasi il 66% della popolazione mondiale dovrebbe vivere nelle città.

Mentre le città crescono, stanno anche peggiorando. Ricerca precedente già suggerito che gli abitanti delle città hanno il 40% in più di probabilità di avere disturbi dell'umore e il 20% in più di probabilità di avere disturbi d'ansia rispetto agli abitanti delle zone rurali.

I ricercatori stanno ora cercando di trovare una serie di dati concreti a supporto di quali caratteristiche specifiche della vita urbana portano gli abitanti delle città a un rischio maggiore di sviluppare disturbi mentali.

"Al momento sappiamo molto poco sui meccanismi che sono alla base di questo effetto; per esempio, non sappiamo quali aspetti dell'ambiente urbano aumentano il rischio di malattie ”, ha detto Dott. Andrea Mechelli, uno dei principali ricercatori dello studio e un dottorando presso l'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze al King's College di Londra.

Mente urbana

Per colmare questa lacuna nello studio, i ricercatori hanno sviluppato Mente urbana, un'app basata su smartphone che esamina in che modo l'esposizione alle caratteristiche naturali nelle città influisce sul benessere mentale di una persona.

"La motivazione per lo sviluppo dell'app Urban Mind è cercare di comprendere l'interazione tra la vita urbana e la malattia mentale ", ha affermato Mechelli.

Urban Mind ha monitorato 108 utenti che hanno completato complessivamente 3,013 valutazioni nell'arco di una settimana. GPer monitorare la loro posizione esatta è stato utilizzato il geotagging basato su PS. In ogni valutazione, gli utenti hanno risposto a diverse domande sul loro ambiente attuale e sul benessere mentale momentaneo.

Le domande relative alle caratteristiche fisiche dell'ambiente urbano corrono sulla falsariga di:

D: Ti senti rumoroso in questo momento?

D: Riesci a vedere gli alberi in questo momento?

D: C'è un posto comodo dove sedersi?

Le domande che si riferiscono alle caratteristiche sociali dell'ambiente urbano includono:

D: Senti che le persone intorno a te condividono i tuoi stessi valori?

D: Ti senti al sicuro qui?

D: Pensi di avere abbastanza spazio personale in questo momento?

Inoltre, le valutazioni hanno posto domande più generali sulla propria età, stile di vita e comportamento.

"Questo studio rappresenta un esempio di successo di come le tecnologie degli smartphone possono essere impiegate come strumento per la citizen science", Michael Smythe, artista e ricercatore basato sull'azione presso Progetti nomadi, ha detto in una dichiarazione. "Dimostra anche il valore dei ricercatori accademici e non accademici che si uniscono per svolgere un lavoro veramente interdisciplinare con implicazioni tangibili nel mondo reale".

I programmatori erano anche interessati a sapere se gli effetti benefici della natura potessero variare da un individuo all'altro, a seconda del rischio di sviluppare una cattiva salute mentale.

Per valutare questo, ogni utente è stato valutato in base alla "caratteristica impulsività", una misura psicologica della propria tendenza a comportarsi senza considerare le conseguenze appropriate. L'impulsività dei tratti viene spesso utilizzata come predittore di un rischio maggiore di sviluppare condizioni mentali malsane, come disturbi da dipendenza e disturbi di personalità antisociali.

I risultati

I risultati hanno mostrato che una maggiore esposizione alla natura era associata a livelli più elevati di benessere mentale. Queste associazioni erano significative, immediate e ritardate nel tempo, il che significa che gli effetti erano ancora evidenti diverse ore dopo l'esposizione agli alberi, al cielo e al canto degli uccelli.

"L'uso dell'app Urban Mind mi ha reso più consapevole di ciò che mi circonda e di come questi influenzano il mio stato d'animo", ha detto in una dichiarazione Lucia Robertson, un utente di Urban Mind. "Mi ha incoraggiato a pensare intensamente al tipo di città in cui voglio vivere."

Inoltre, gli utenti con una maggiore impulsività dei tratti, che sono a maggior rischio di problemi di salute mentale, hanno mostrato in modo più efficace gli effetti benefici del contatto con la natura.

"L'interazione di questo effetto con l'impulsività del tratto è intrigante, in quanto suggerisce che la natura potrebbe essere particolarmente vantaggiosa per quegli individui che sono a rischio di cattiva salute mentale", ha detto Mechelli in una dichiarazione. "Da un punto di vista clinico, speriamo che questa linea di ricerca conduca allo sviluppo di interventi scalabili a basso costo volti a promuovere la salute mentale nelle popolazioni urbane".

Non più solo una saggezza convenzionale

Con Urban Mind, la pianificazione urbana incentrata sul detto convenzionale che la natura porta al benessere mentale è ora supportata da una serie di dati concreti.

"C'è urgente bisogno di tali dati concreti, poiché le decisioni sulla pianificazione e progettazione urbana sono spesso basate sulla "saggezza convenzionale" a causa della mancanza di una solida base di prove ", ha detto Mechelli. "Il nostro progetto genererà informazioni sugli aspetti dannosi e benefici dell'ambiente urbano, poiché entrambi sono importanti per la progettazione di città sane".

Johanna Gibbons e Neil Davidson, architetti paesaggisti di J & L Gibbons, hanno affermato in una dichiarazione che sperano che i risultati dello studio influenzeranno gli investimenti e le politiche future in termini di pianificazione e progettazione urbana e contribuiranno a costruire città più sane.

Aree di studio future

Nel prossimo futuro, i ricercatori sperano di affrontare i limiti dell'attuale versione di Urban Mind.

Ad esempio, reclutando più utenti provenienti da contesti demografici e socioeconomici diversi, sperano di rivolgersi al loro campione attuale di un gruppo molto ristretto di utenti, utenti di smartphone con un livello di istruzione superiore alla media e un'età media di soli 31.1 anni.

Lanciata a marzo 2018, una versione aggiornata di Urban Mind includerà traduzioni in più lingue e sarà utilizzata per uno studio internazionale su larga scala su partecipanti sani e popolazioni cliniche.

Prova GRATUITA di 6 mesi

Quindi, goditi Amazon Prime a metà prezzo - 50% di sconto!

TUN AI – Il tuo assistente educativo

TUNAI

Sono qui per aiutarti con borse di studio, ricerca universitaria, lezioni online, aiuti finanziari, scelta delle specializzazioni, ammissione all'università e consigli di studio!

La Rete Università