Incontra Second Nature, le ONG che guidano i college verso la neutralità del carbonio

Incontra Second Nature, le ONG che guidano i college verso la neutralità del carbonio

I college e le università sono orgogliosi di essere leader nella ricerca, nell'istruzione e nello sviluppo. Il loro scopo finale è contribuire a creare un futuro più luminoso del passato. 

E oggi, il futuro deve affrontare una crisi esistenziale potenzialmente enorme. Decenni di produzione e consumo irresponsabili di energia hanno causato l'innalzamento delle temperature superficiali globali aumentare, che rappresentano una minaccia per la fauna selvatica, gli ecosistemi, le risorse idriche e alimentari, le economie e altro ancora. 

In questa luce, gli istituti di istruzione superiore sono desiderosi di agire. Ma non possono farlo da soli. Ed è qui che entra in gioco Second Nature, un'organizzazione non governativa (ONG). 

Second Nature lavora da quasi 30 anni per aiutare a instillare principi di sostenibilità nei college e nelle università americane. E dal 2006, l'organizzazione si è concentrata sull'accelerazione dell'azione per il clima attraverso l'istruzione superiore. 

Sotto la sua guida, otto scuole hanno già raggiunto la neutralità del carbonio, il che significa che ora hanno un'impronta di carbonio netta zero. Le scuole includono l'American University di Washington DC, la Colgate University di New York, il Middlebury College nel Vermont, l'Università di San Francisco, il Colorado College e il Bowdoin College, il Bates College e il Colby College nel Maine. 

Mentre Second Nature vorrebbe vedere ogni college e università con cui lavora raggiungere emissioni nette zero, è consapevole che a causa di fattori come l'iscrizione, le infrastrutture, i soldi e l'ubicazione, alcune scuole devono affrontare più barriere di altre.

A questo proposito, Second Nature gestisce il Climate Leadership Network, una coorte di istituti di istruzione superiore dedicati ad affrontare i cambiamenti climatici riducendo le loro emissioni, conducendo ricerche sul clima e preparando gli studenti a risolvere le numerose sfide basate sul clima che dovranno affrontare il 21 secolo.

Circa 450 istituzioni hanno già aderito alla rete. E sebbene non tutte le istituzioni partecipanti si siano impegnate per la neutralità del carbonio, ognuna sta lavorando per obiettivi climatici unici che si adattano alle sue attuali capacità. 

"Non c'è giudizio di valore tra le scuole che hanno ottenuto risultati (carbon neutrality) e le scuole che non l'hanno fatto", ha detto Timothy Carter, il presidente di Second Nature.

Le scuole possono aderire al Climate Leadership Network firmandone uno tre impegni: il Carbon Commitment, il Resilience Commitment o il Climate Commitment. Ogni impegno ha i suoi obiettivi unici. 

Coloro che scelgono di aderire all'impegno del Carbon Commitment per ridurre le emissioni di gas serra e raggiungere la neutralità del carbonio "il prima possibile". 

Entro due anni dalla firma dell'impegno, le scuole devono completare un piano d'azione per il clima, ha spiegato Carter. Nel loro piano d'azione per il clima, le scuole devono definire la data entro la quale raggiungeranno la neutralità del carbonio e le tattiche che useranno per arrivarci. Quindi, ogni scuola che ha aderito al Carbon Commitment sta attualmente lavorando verso la neutralità del carbonio o sta sviluppando un piano per raggiungerla. 

Le scuole che non credono ancora di essere pronte a impegnarsi per la neutralità del carbonio, ma vorrebbero comunque intraprendere un'azione per il clima, possono invece scegliere di firmare il Resilience Commitment, che è un impegno a creare e attuare un piano per sviluppare sistemi e procedure che consentirebbe sia ai campus che alle loro comunità esterne di riprendersi rapidamente da eventuali danni futuri causati dai cambiamenti climatici.

E le scuole che credono di essere pronte ad affrontare entrambe le sfide possono firmare il Climate Commitment, che integra sia la neutralità del carbonio che gli sforzi di resilienza climatica.

Le scuole che aderiscono al Climate Leadership Network lo prendono sul serio. Sono notevolmente desiderosi e impegnati a raggiungere ed espandere i loro obiettivi. 

"Anche se sono già diventati neutrali in termini di emissioni di carbonio ... stanno cercando di continuare a migliorare i pezzi operativi in ​​modo che possano essere ancora più interiorizzati", ha detto Carter. "Molti di loro hanno avuto alcuni offset come parte di tale obiettivo, quindi lavoreranno per ridurre al minimo gli offset."

Anche i college e le università più ambiziosi possono aderire a Second Nature's Università Coalizione per il cambiamento climatico, o UC3, che è un gruppo di importanti istituti di ricerca nordamericani che lavorano per sviluppare un modello collaborativo progettato per aiutare le comunità locali a raggiungere i loro obiettivi climatici e accelerare la loro transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio. 

Oltre a gestire sia il Climate Leadership Network che UC3, Second Nature è lì per assistere le istituzioni nella definizione e nel raggiungimento dei loro obiettivi climatici. 

Ad esempio, Second Nature ha sviluppato un fondo, attraverso il quale le istituzioni possono ricevere sovvenzioni. Offre guida e supporto tecnico per le istituzioni membri. Offre dati per aiutare i college e le università a dimostrare i propri progressi e confrontarli con gli altri. Inoltre, offre alle scuole l'opportunità di creare connessioni con altri settori, come le imprese e i governi locali.

Soprattutto, tuttavia, Second Nature facilita l'azione collettiva tra gli istituti di istruzione superiore, aumentando la velocità e la scala con cui l'istruzione superiore può ridurre al minimo la sua impronta di carbonio. 

"Questa sfida è troppo grande e complessa perché qualsiasi campus possa risolverla da solo: gli importanti sforzi individuali devono essere integrati e potenziati attraverso l'azione collettiva", ha dichiarato Second Nature al suo sito web. "C'è un enorme potere di azione collettiva di questo tipo, e ogni scuola che si impegna costruisce uno slancio positivo, avendo un impatto maggiore di quanto sarebbe possibile agendo da soli".

Per quanto riguarda la stragrande maggioranza dei firmatari che devono ancora raggiungere i propri obiettivi, Second Nature è irremovibile nell'assicurarsi che stiano seguendo le proiezioni climatiche più aggiornate. Sebbene Second Nature non stabilisca le date di neutralità del carbonio delle istituzioni per loro, non ha paura di dare consigli. 

Recentemente, poiché gli sforzi di mitigazione del clima sono diventati più urgenti, Carter ha affermato di aver visto molte istituzioni ristrutturare i loro piani sul carbonio e aumentare le date di neutralità dal 2050 al 2035, ad esempio. 

Sebbene Second Nature desideri che quante più istituzioni si uniscano ai suoi impegni, non recluta né esegue campagne di registrazione su larga scala.

"Non vogliamo che le persone prendano alla leggera l'impegno", ha detto Carter. "Quindi, in questo senso, non vogliamo solo eseguire una campagna di registrazione. Vogliamo davvero servire le persone che stanno intraprendendo in modo aggressivo l'azione per il clima e prendono sul serio la crisi climatica ".

Second Nature, tuttavia, si metterà in contatto con college e università che pensano siano pronti a impegnarsi per il cambiamento climatico, ha spiegato Carter. E i suoi membri sono certamente reattivi quando le istituzioni si mettono in contatto con loro. 

La Rete Università