Sondaggio: il cambiamento climatico è il problema principale del 2020 per gli elettori del college

Studenti universitari considera il cambiamento climatico come la questione più importante nelle elezioni del 2020, secondo a sondaggio recente condotto da College Reaction e WBRU, una stazione radio internet con sede a Providence, Rhode Island. 

A prima vista, questo potrebbe essere una sorpresa, considerando lo stato di debito studentesco e l'abbondanza di copertura dei media che lo circonda. Tuttavia, secondo questo sondaggio, il debito degli studenti è sesto nella lista. 

In molti modi, ha senso che la priorità degli studenti sia affrontare il cambiamento climatico. Dopo tutto, le generazioni più giovani sono quelle che saranno maggiormente colpite. 

E, in tutte le fasce d'età, non vi è dubbio che il cambiamento climatico è diventato un problema determinante per il lancio delle elezioni 2020. Molti candidati democratici 2020, incluso l'ex vicepresidente Joe Biden, Senatore Elizabeth Warren (D-Mass.), E ex rappresentante. Beto O'Rourke (D-Texas), hanno sviluppato piani di trilioni di dollari per porre fine alle emissioni di carbonio degli Stati Uniti. 

Ma, tra gli studenti che hanno indicato il cambiamento climatico come il loro problema principale, solo l'1.9% ha dichiarato di credere che il governatore Jay Inslee (D-Wash.) - il candidato noto per dare la priorità al cambiamento climatico - rifletta meglio la loro posizione sull'argomento. Una parte molto più grande di quel gruppo (21.5%) si schiera con Joe Biden, secondo il sondaggio. 

La posizione di Biden sui cambiamenti climatici è audace, ma Inslee ha modellato la sua intera piattaforma sull'affrontare il cambiamento climatico. Si potrebbe supporre che gli elettori degli studenti mostrerebbero più sostegno per il candidato che condivide le loro priorità politiche. 

Con questo in mente, gli autori del sondaggio stratagemma due potenziali ragioni per cui gli studenti possono dare la priorità ai cambiamenti climatici ma preferiscono comunque lo zio Joe.  

Il primo è che gli studenti potrebbero volere una legislazione audace sul clima, ma comprendono la realtà legislativa. 

"Il piano di Biden è ardito, ma manca delle proclamazioni altisonanti di un documento del Green New Deal, e potrebbe finire più agevolmente in un Congresso diviso", hanno scritto gli autori. 

E il secondo è che gli studenti potrebbero preferire Inslee, ma sono più a loro agio per un politico affermato come Biden. 

“È possibile che una pluralità di studenti conoscano la visione di Inslee, ma vogliano mirare a un candidato - e un piano - che pensano abbia maggiori possibilità di vincere. I giovani potrebbero entrare nel gioco dell'eleggibilità e disegnare un candidato con una solida reputazione climatica che ha una possibilità migliore per vincere ", hanno scritto gli autori. 

Ad aprile, il College Reaction ha condotto a sondaggio separato indicando quali candidati 2020 sono i più popolari tra gli studenti universitari. Quel sondaggio aveva anche Biden in cima, con 18.88 di studenti che dicevano di preferire Biden. A seguire Biden erano senatori Bernie Sanders (I-VT.) Con percentuale 15.09, Presidente Trump con percentuale 14.71 e O'Rourke con percentuale 13.57. 

Questo sondaggio ha anche presentato un interessante dilemma. I risultati hanno suggerito che gli studenti sono entusiasti dell'idea di una donna o di un presidente di minoranza. Tuttavia, Biden, Sanders, Trump e O'Rourke sono tutti uomini bianchi. 

Vale la pena notare, tuttavia, che questo sondaggio è stato condotto prima del primo turno dei dibattiti democratici e alcuni studenti stanno già cambiando idea. 

Secondo il College Reaction's sondaggio più recente, La percentuale di studenti 31 che hanno assistito a uno dei dibattiti democratici ha cambiato idea su chi ha sostenuto. Da quella percentuale di 31, la percentuale di 29 degli elettori studenteschi è passata a Kamala Harris, la percentuale di 16 è passata a Pete Buttigieg e la percentuale di 12 è passata a Elizabeth Warren. 

Ma, ovviamente, per le priorità politiche degli studenti universitari da affrontare, devono farlo mostrare fino a votare. E storicamente, i giovani americani non si sono presentati allo stesso tasso dei loro genitori e nonni. Solo nelle elezioni presidenziali 2016 48.3 per cento di studenti universitari hanno votato, rispetto a 69 per cento di baby boomer idonei. 

Ma potremmo vedere un aumento del numero di elettori studenteschi nelle elezioni 2020. In risposta alle leggi sull'aborto approvate in Georgia e Alabama, la percentuale di studenti 63.1 afferma che è più probabile che votino e la percentuale di 47 afferma che sono "molto più probabili", secondo il College Reaction e il sondaggio WBRU.

La Rete Università