Idee innovative nella moda sostenibile

Idee innovative nella moda sostenibile

Secondo l' US Environmental Protection Agency, oltre il 65 percento di tutti i tipi di tessuti generati in 2015 è finito in discarica, il che significa che non sono stati in grado di essere compostati o riciclati tra gli umani. 

Pensala in questo modo: se la tua stanza fosse la Terra, il tuo intero piano sarebbe ammucchiato con immondizia che non può essere aspirata, spazzata via o gettata via. 

Nel tentativo di risolvere questo problema da zero, i ricercatori universitari e le aziende tessili stanno attingendo a fonti non convenzionali - dai detriti marini agli sprechi alimentari - per sviluppare materiali e processi in fibra sostenibili che non danneggino la Terra. 

"La moda, per la maggior parte delle persone, è un'espressione effimera di cultura, arte e tecnologia che si manifestano nella forma", ha dichiarato Young-A Lee, professore associato presso il College of Human Sciences dell'Università di Auburn e ricercatore capo di un team che ha utilizzato sottoprodotto del tè verde sviluppare un'alternativa biodegradabile alla pelle. 

“Le aziende di moda continuano a produrre nuovi materiali e abbigliamento, di stagione in stagione, di anno in anno, per soddisfare i desideri e le esigenze dei consumatori. Questo è davvero il momento di pensare a dove finiranno questi oggetti ". 

Lontano dagli occhi, ma ancora qui

A partire dalla metà degli 2000, la moda veloce ha fatto enormi profitti annacquando gli stili più alla moda dalle passerelle dei marchi di lusso per adattarsi sia al gusto che al budget dei consumatori in generale. 

In modo veloce, poiché l'output (i vestiti) è a basso prezzo, anche l'input (il materiale) deve essere economico. 

Conosciuto per la sua capacità a basso costo, alta capacità di trattenere il colore e la sua capacità di essere prodotto in serie, il poliestere divenne il tessuto del 21st secolo. E produzione mondiale di fibre di poliestere è cresciuto da 3.37 milioni di tonnellate a 1975 a 53.7 milioni a tonnellate in 2017. 

Realizzato in plastica, il poliestere non è sostenibile - a parte altre conseguenze ambientali, il poliestere consuma più di 342 milioni di barili di petrolio nella produzione ogni anno e impiega oltre 200 anni a decomporsi, secondo il Rapporto della Ellen MacArther Foundation

Inoltre, anche le fibre naturali ampiamente utilizzate nell'industria, come cotone e pelle, possono essere estremamente dannose per l'ambiente. 

Ad esempio, come la seconda fibra più consumata dopo il poliestere - circa 21 per cento in tutto il mondo - il cotone richiede molta acqua da coltivare e lavorare, fino a litri 20,000 di acqua per realizzare una maglietta singola. 

E a proposito di 800 tonnellate dei rifiuti della produzione di cuoio viene generato ogni anno in tutto il mondo. Di solito, questi rifiuti vengono inviati in discarica e la pelle impiega circa 40 anni scomporre. 

Ma, naturalmente, per un consumatore abituale che acquista un vestito da $ 20 da H&M da indossare per una notte a una festa di fine anno, la sostenibilità non è generalmente la prima cosa che viene in mente. 

Secondo un Relazione 2017 dalla Fondazione Ellen MacArthur, ora acquistiamo il doppio degli abiti rispetto a 15 anni fa e indossiamo ogni articolo 20 in meno rispetto a prima.

L'abito da $ 20 viene scartato molto facilmente dopo alcuni indumenti, viene acquistato un altro abito economico e questa viziosa abitudine continua per innumerevoli altri clienti in tutto il mondo. 

Rimane una via d'uscita

Ma il fatto più importante rimane ed è sicuro di darci speranza. Sia l'interesse e l'uso di materiali sostenibili stanno crescendo lentamente, ma costantemente.  

Secondo il mercato preferenziale di fibre e materiali 2018 di Textile Exchange rapporto, rispetto a 2017, non solo il numero di aziende di moda che partecipano a pratiche sostenibili è aumentato del 17 percento, ma anche la quantità di fibre sostenibili utilizzate, incluso il poliestere riciclato, è aumentata o è rimasta stabile. 

E un numero crescente di aziende e ricercatori di moda è disposto a investire nelle promesse positive della moda sostenibile.  

Le alternative sostenibili

Auburn University 

Ad Auburn, ispirato al design da culla a culla, un concetto di design che mira a creare un ciclo continuo di riutilizzo e rigenerazione, Lee e il suo team di ricerca hanno utilizzato il sottoprodotto del tè verde per sviluppare un'alternativa completamente biodegradabile alla pelle

Alternativa di pelle biodegradabile
Immagine: Young-A Lee alla Auburn University e Changhyun Nam alla Iowa State University

"Ispirato dalla struttura del design cradle-to-cradle, ero curioso di trasformare i rifiuti alimentari in un sistema di moda ... Durante quel periodo, abbiamo avuto la possibilità di guardare i TED di Suzanne Lee sul suo lavoro usando Kombucha", ha detto Lee. 

All'interno del tè verde preparato, hanno aggiunto uno SCOBY, abbreviazione di colonia simbiotica di batteri e lievito, un nome di fantasia per una casa per i batteri e il lievito che fermentano il tè verde dolce in una bevanda frizzante e frizzante chiamata tè kombucha. 

Dopo alcuni giorni, un film simile a un gel che è iniziato come bolle, si è formato e galleggiato sopra i barattoli. Invece di mettere il film SCOBY in un altro barattolo di tè verde per preparare il tè kombucha, Lee e il suo team hanno raccolto e asciugato questi film SCOBY, che hanno dimostrato di avere proprietà simili a quelle della pelle. 

Processo di coltivazione Immagine: Young- A Lee, Auburn University

Secondo Lee, il loro prossimo passo è quello di sviluppare ulteriormente per risolvere il problema dell'assorbimento d'acqua. Sperano di collaborare con un'azienda di abbigliamento o calzature per portare il loro materiale sul mercato. 

tinctorium 

Co-fondato da Tammy Hsu, ricercatore di dottorato all'Università della California, Berkeley, tinctorium utilizza batteri ingegnerizzati per produrre i jeans tinti in modo più sostenibile al mondo. 

"Il mio background è in bioingegneria e biologia sintetica, quindi sono sempre stato interessato a produrre molecole naturali usando batteri", ha affermato Hsu. “Poiché l'indaco è un prodotto a base vegetale, è stato un buon candidato per la biosintesi nei batteri. Sembrava un'opportunità in cui eravamo ben adatti a fornire una soluzione unica a questo grosso problema nella produzione di denim. ” 

Il "grosso problema" a cui Hsu ha accennato è il bilancio ambientale derivante dall'uso di sostanze chimiche tossiche e corrosive per la produzione di indaco e tintura di jeans.  

Hsu e il suo team hanno usato i batteri E. coli per creare l'indano, che è solubile in acqua e successivamente viene convertito in indaco che tinge il filo. In questo processo, non hanno bisogno di usare una sintesi chimica a più fasi che è dannosa sia per l'ambiente che per la pelle umana. 

Immagine: Tammy Hsu

Secondo Hsu, poiché hanno dimostrato che il processo funziona su scala di laboratorio, il passo successivo è sviluppare i loro batteri e il processo di fermentazione per lavorare a volumi più grandi. 

Immagine: Tammy Hsu

"Stiamo ancora facendo alcune ricerche e sviluppi per migliorare la nostra produzione di coloranti e il nostro prossimo passo è quello di progettare i nostri batteri per produrre coloranti in modo più efficiente in modo che il nostro processo possa essere competitivo in termini di costi quando aumentiamo", ha affermato Hsu. 

Prato Moderno 

Già ampiamente utilizzata in campo medico, la biofabbricazione offre così tante nuove opportunità per l'industria della moda. Utilizzando organismi viventi, come batteri e lieviti, la biofabbricazione consente di coltivare e quindi tingere i materiali senza i processi chimici tossici comunemente usati nelle fibre sia sintetiche che naturali. 

Prato ModernoLa tecnologia Zoa prende il DNA del lievito per produrre proteine ​​di collagene, fermenta le proteine ​​e modifica il DNA per personalizzare sia le proprietà strutturali che estetiche della fibra finale. 

Secondo un rappresentante, la società è stata ispirata a creare un'alternativa più sostenibile e sostenibile agli attuali materiali sul mercato. In particolare, è stato ispirato a creare un'alternativa alla pelle senza animali, a base di collagene. 

La società sta attualmente lavorando al ridimensionamento del materiale per l'eventuale produzione commerciale e il lancio del prodotto. 

Sistemi circolari

Vincitore dell'H&M Foundation Global Change Award nel 2018, Sistemi circolari utilizza tutti i tipi di rifiuti, compresi rifiuti alimentari, indumenti usati, cotone riciclato e rifiuti di plastica, in tessuti di alta qualità. 

Gli sforzi dell'azienda sono a sostegno diretto di tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile 17 delle Nazioni Unite. 

Grafico degli obiettivi di sviluppo sostenibile

Bioplastica (generica) 

Un marchio di abbigliamento spagnolo è iniziato in 2009, Bioplastica (generica) utilizza risorse sprecate, come bottiglie di plastica, reti da pesca e pneumatici usati, come materia prima per realizzare cappotti, giacche, infradito e altro ancora. Finora l'azienda ha riciclato 200 milioni di bottiglie di plastica in abbigliamento. 

"Il concetto del marchio è nato dopo la nascita di mio figlio Alfredo (la società prende il nome da lui) quando riflettevo sul mondo che avremmo lasciato alla generazione successiva e alla mia frustrazione per l'uso eccessivo delle risorse naturali del mondo, "Javier Goyeneche, presidente e fondatore di Ecoalf, ha spiegato nella pagina della storia dell'azienda. 

Iniziato in 2015 in Spagna e Tailandia, Upcycling the Oceans è uno dei progetti sostenibili di Ecoalf che lavora con i pescatori locali per raccogliere detriti marini e riciclarli in fili di alta qualità e poi in capi di abbigliamento. 

In Spagna, il progetto ha coinvolto oltre pescatori 3,000 in diversi porti 40 e sono state recuperate tonnellate di detriti marini 500. In Thailandia sono state recuperate tonnellate di detriti marini 1.55. 

Inoltre, Ecoalf utilizza nylon riciclato (un'altra fibra sintetica a base plastica come il poliestere), cotone riciclato, lana riciclata e pneumatici usati riciclati per realizzare i suoi prodotti. Utilizzando cotone riciclato, consente di risparmiare 2,500 litri d'acqua per maglietta. 

PrimaLoft

Mentre alcuni potrebbero pensare ai materiali riciclati di bassa qualità, PrimaLoft combatte questo stereotipo come infondato. 

Mentre utilizzato dai principali marchi outdoor, come North Face, Adidas e Patagonia, e offre uno dei materiali isolanti più performanti sul mercato, PrimaLoft ha sviluppato il suo primo tessuto in poliestere riciclato in 2016. 

Di recente, PrimaLoft ha lanciato un tessuto in poliestere riciclato e biodegradabile al 100% che dovrebbe essere disponibile sul mercato entro l'autunno 2020. 

Singtex

Ispirato da una donna che raccoglie fondi di caffè rimasti dal bancone di Starbucks, Jason Chen, CEO di Singtex, uno dei principali fornitori tessili di abbigliamento sportivo di Taiwan, ha perfezionato la tecnologia per convertire una miscela di fondi di caffè rimanenti e bottiglie di plastica riciclata in tessuto di alta qualità.  

Questa fibra non è solo ecologica, ma elimina anche gli odori, protegge chi la indossa dai raggi ultravioletti ed è impermeabile. Oggi l'azienda vende tessuti a marchi leader, come North Face, Adidas, Victoria's Secret e American Eagle. 

Cambio di mentalità

Quando tutto è detto e fatto, tutto dipende da noi, i consumatori. Fortunatamente, gli studi dimostrano che i giovani consumatori nei loro 20 e 30 hanno maggiori probabilità di acquistare prodotti sostenibili o richiedono che i marchi utilizzino pratiche più sostenibili rispetto ai consumatori generali. 

Tuttavia, il lento processo di produzione della moda sostenibile, che fa aumentare il prezzo, può ostacolare i giovani consumatori che scelgono la moda sostenibile piuttosto che la moda veloce. 

“Gli studenti universitari, i giovani consumatori, hanno spesso budget / finanziamenti limitati, che spesso li portano ad acquistare articoli di moda veloce ed economici. Ciò non significa che non siano consapevoli del movimento di sostenibilità nella nostra società, ma i prodotti sostenibili non sono alla portata di loro ", ha affermato Lee. 

Mentre i marchi hanno un ruolo da svolgere nello sviluppo ulteriore della loro tecnologia per essere competitivi in ​​termini di costi, i consumatori hanno anche la responsabilità di liberarsi dalle loro abitudini dispendiose. 

"Penso che sia davvero un cambiamento di mentalità - siamo abituati a pensare all'abbigliamento come poco costoso e quasi usa e getta, ma questa è davvero una pratica insostenibile", ha detto Hsu. "Se vogliamo prenderci cura delle nostre risorse naturali, abbiamo bisogno di abiti più lenti e ponderati che indossiamo e apprezziamo più a lungo". 

E gli studenti possono fare la loro parte per dare una mano. 

"Gli studenti possono mostrare supporto per la moda sostenibile acquistando abiti usati o usati o acquistando da marchi della moda che usano pratiche etiche e sostenibili", ha affermato Hsu. "Se mostriamo al settore della moda che i consumatori sceglieranno l'opzione sostenibile, allora ne faranno una priorità nelle loro pratiche."

La Rete Università