I tuoi cibi preferiti fanno male all'ambiente?

I tuoi cibi preferiti fanno male all'ambiente?

Ti sei mai chiesto in che modo i tuoi cibi preferiti hanno un impatto sull'ambiente? Ecco una regola empirica generale: se fa male a te, probabilmente fa male anche all'ambiente. 

Questa è la scoperta di a nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università di Oxford e dell'Università del Minnesota (UMN). Il loro studio segna la prima volta in cui i ricercatori hanno legato gli impatti sulla salute degli alimenti al loro impatto ambientale complessivo. 

“Gli alimenti che compongono la nostra dieta hanno un grande impatto sia su noi stessi che sul nostro ambiente. Questo studio dimostra che mangiare più sano significa anche mangiare in modo più sostenibile " David Tilman, coautore dello studio e professore di ecologia, evoluzione e comportamento presso il Collegio delle scienze biologiche UMN, ha affermato in un dichiarazione

Per condurre lo studio, i ricercatori hanno valutato 15 diversi gruppi alimentari, tra cui frutta, noci, pesce, carne rossa, prodotti lattiero-caseari, uova e bevande zuccherate, e li hanno classificati in base alla probabilità che causino malattie nell'uomo e abbiano un impatto negativo sull'ambiente in termini di utilizzo dell'acqua e del suolo, emissioni di gas serra e inquinamento dell'acqua e del suolo. 

Gli alimenti in cima alla lista come i peggiori sia per l'ambiente che per la salute personale sono - avete indovinato - la carne rossa come maiale, manzo, montone e capra, sia lavorata che non trasformata. 

D'altra parte, alcuni degli alimenti che sono i migliori per l'ambiente e la salute personale includono verdure, frutta, noci, legumi, cereali integrali e olio d'oliva. 

“Normalmente, se un prodotto alimentare è buono per un aspetto della salute di una persona, lo è anche per altri risultati sulla salute. Lo stesso vale per i risultati ambientali ", ha continuato Tilman. 

Ci sono alcuni valori anomali, tuttavia. 

Le due eccezioni più importanti sono il pesce, che in genere è salutare ma ha un impatto ambientale moderato, e le bevande zuccherate come la soda, che non sono salutari ma non hanno un impatto enorme sull'ambiente. 

I risultati di questo studio sono in linea con un recente rapporto del gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che raccomanda di passare a una dieta a base vegetale per aiutare a mitigare i cambiamenti climatici. 

"Questo studio mostra che sostituire la carne rossa con opzioni più nutrienti può migliorare notevolmente la salute e l'ambiente", Jason Hill, coautore dello studio e professore di ingegneria dei bioprodotti e dei biosistemi presso il Collegio UMN delle scienze alimentari, agricole e delle risorse naturali, ha dichiarato in una nota. 

"È importante che tutti noi pensiamo agli impatti sulla salute dei cibi che mangiamo", ha continuato. "Ora sappiamo che rendere la nostra alimentazione una priorità pagherà anche i dividendi per la Terra."

Per alcuni, tuttavia, regolare la propria dieta è più facile a dirsi che a farsi. Un'alta percentuale di studenti universitari, ad esempio, si affida alle sale da pranzo universitarie per i loro pasti. E in generale, hanno solo alcune opzioni tra cui scegliere. 

Tuttavia, ci sono alcuni college e università che stanno compiendo uno sforzo consapevole per cambiare la situazione. Invece di avere tre o quattro opzioni di carne e un buffet di insalate - come fanno in genere le mense - le mense di queste scuole offrono piatti creativi e deliziosi con impronte di carbonio minori. 

La Harvard University, la University of Maryland (UMD) e la University of Pittsburgh sono arrivate al punto di unirsi alla Impegno alimentare fresco, un'iniziativa per inserire alimenti più rispettosi del clima nei menu di mense e sale da pranzo di scuole, ospedali, aziende e altro, in tutto il mondo. 

Coloro che aderiscono all'iniziativa si impegnano a ridurre le emissioni legate al cibo del 25 percento di 2030. Attualmente, la produzione alimentare è responsabile di circa un quarto di tutte le emissioni di gas serra.

Ma c'è una crescente domanda di pasti sani e rispettosi dell'ambiente in tutto il mondo. Solo negli Stati Uniti, quasi 40 per cento delle persone afferma di voler mangiare più alimenti a base vegetale. 

E da quando l'UMD ha aderito al Cool Food Pledge, gli studenti hanno abbracciato le loro nuove opzioni per la ristorazione. 

"Quando ho iniziato, non penseresti che gli studenti vorrebbero mangiare cose come la quinoa e il farro", ha detto Allison Tjaden, vicedirettore delle nuove iniziative di UMD Dining Services Il Diamondback. "Ma questa è la roba che gli studenti vogliono mangiare."

La Rete Università