I ricercatori mostrano che l'educazione al clima porta a minori impronte di carbonio

I ricercatori mostrano che l'educazione al clima porta a minori impronte di carbonio

I ricercatori della San Jose State University (SJSU) hanno prove che l'educazione ai cambiamenti climatici porta direttamente a impronte individuali di carbonio più piccole. Educare la società, sostengono, potrebbe essere uno dei modi più efficaci per mitigare i cambiamenti climatici. 

Attraverso confronti con altre soluzioni, lo studio mostra che "l'educazione ai cambiamenti climatici può essere efficace nel ridurre le emissioni di carbonio come altre soluzioni come veicoli solari o elettrici sul tetto", spiegano i ricercatori in un carta descrivendo i loro risultati. "L'idea che l'educazione sia una parte importante della risposta ai cambiamenti climatici non è nuova, eppure raramente è stata quantificata e misurata". 

Il nuovo studio fornisce dati a supporto della convinzione che scienziati e professori del clima hanno da tempo. Quando le persone sono consapevoli dei pericoli del cambiamento climatico, hanno maggiori probabilità di agire contro di esso. 

Lo studio

Per giungere alla loro conclusione, il team di ricerca ha rintracciato con successo 104 degli oltre 500 studenti che hanno seguito il corso sul cambiamento climatico globale di SJSU dal 2007 al 2012 e li ha invitati a compilare un sondaggio sul loro utilizzo di carbonio. 

Utilizzando i dati e le informazioni acquisite attraverso il sondaggio, i ricercatori sono stati quindi in grado di calcolare l'impronta di carbonio di ogni ex studente. 

Rispetto alla media residente in California, coloro che hanno seguito il corso hanno ulteriormente ridotto le loro emissioni di carbonio di 2.68 tonnellate all'anno, il che equivale alle emissioni di gas serra causate dalla guida miglia 6,000 in macchina media. 

Coloro che hanno risposto al sondaggio hanno affermato che il corso li ha portati a considerare l'impatto ambientale di quasi tutte le decisioni sulla vita che prendono, dal cibo che mangiano alle macchine che acquistano. 

"Quasi tutte le attività che scegliamo possono influire (i cambiamenti climatici) in qualche modo, sia che scegliamo di prendere l'autobus o andare al lavoro o che scegliamo di acquistare cibo coltivato su terreni che sono stati sgombrati dalle foreste pluviali", Tara, un partecipante al sondaggio , ha detto al gruppo di ricerca. "Dal momento che è praticamente in ogni aspetto della nostra vita, ciò lo rende automaticamente rilevante per tutti questi aspetti diversi."

Anche dopo anni di corso, coloro che l'hanno seguito mantengono una forte convinzione nel potenziale di azione individuale.

"Quando tutti fanno qualcosa per mitigare il cambiamento climatico, avrà un impatto enorme", ha detto ai ricercatori Billy, un altro partecipante al sondaggio. 

"Penso che ogni piccolo passo faccia la differenza", ha aggiunto Tara. “Un piccolo passo alla volta; tutto sommato. Mi piacerebbe pensare che stiamo facendo la differenza. Sento di esserlo quando contribuisco un po '. "

Parte del motivo per cui il corso, che viene ancora insegnato, è in grado di lasciare un'impressione così duratura agli studenti è che li incoraggia a impegnarsi attivamente con il materiale.

Oltre ad esplorare le connessioni tra la propria vita e i cambiamenti climatici, gli studenti che seguono il corso si impegnano in un "progetto di azione comunitaria", in cui escogitano e attuano piani per ridurre al minimo le emissioni di carbonio in una comunità di loro scelta. 

Una soluzione realistica?

Esistono chiaramente alcuni punti interrogativi sull'utilizzo di questo metodo di studio per verificare se l'educazione sia un'efficace strategia di mitigazione dei cambiamenti climatici. Per uno, il corso si chiama "cambiamento climatico globale", quindi gli studenti che sono già interessati potrebbero auto-selezionarsi nel corso, spiegano i ricercatori. Inoltre, potrebbero esserci ragioni esterne per i cambiamenti nello stile di vita che portano a ridurre le emissioni di carbonio. I ricercatori hanno in programma di condurre ulteriori ricerche per appianare queste incertezze. 

Eppure, nonostante queste incertezze, sono fiduciosi nel potere influente dell'educazione. 

"Sebbene su larga scala, l'uso dell'educazione come tecnica di mitigazione dei cambiamenti climatici non sia ancora testato, la nostra analisi suggerisce che se l'approccio educativo è solido e se ci impegniamo a misurare l'impatto dell'istruzione, possiamo realizzare il potenziale per ridurre emissioni di carbonio usando l'educazione ", spiegano nel loro articolo. 

La Rete Università