Ricercatori, date l'esempio: Vola di meno

Il mondo sta scaldando e gli ecosistemi stanno morendo. Per evitare disastrosi cambiamenti climatici, riduzioni massicce in CO2 le emissioni sono necessarie in tutti i settori, raggiungendo net-zero a livello globale entro e non oltre 2050. Ciò richiede un senza precedenti e rapido cambiare i nostri modi di vita.

In questo, il mondo della ricerca è sfidato per due motivi. In primo luogo, i ricercatori sono la fonte del crescente numero di avvertimenti sullo stato del nostro clima e della biodiversità, e loro la credibilità sarebbe danneggiata non dando l'esempio. In secondo luogo, poiché i ricercatori hanno la formazione e gli strumenti per valutare criticamente le conclusioni dei loro colleghi, sono ben posizionati per comprendere la gravità e l'urgenza della situazione e agire di conseguenza, riducendo le proprie emissioni di CO2 emissioni.

L'impronta di carbonio dell'aviazione

Il traffico aereo rappresenta attualmente circa 3% delle emissioni globali, Che ha tre volte di più rispetto alle emissioni totali di un paese come la Francia. Il traffico sta crescendo vicino 4% all'anno e viene proiettato per raddoppiare da 2030. Ciò è in completa contraddizione con gli obiettivi dell'accordo di Parigi, che richiederà il dimezzamento delle attuali emissioni di gas serra di circa 2030. Con la crescita progettata, da 2050 il settore dell'aviazione da solo potrebbe consumare a un quarto del bilancio del carbonio per l'obiettivo 1.5 ° C, ovvero le emissioni cumulative da tutte le fonti che non possono essere superate per limitare il riscaldamento globale a questo obiettivo.

Il progresso tecnico verso gli aerei più efficienti e gli aeroporti meglio organizzati avranno solo impatto marginale nel migliore dei casi Il vero cambiamento può essere raggiunto solo attraverso una massiccia transizione verso i biocarburanti o a drammatica riduzione della domanda. La prima soluzione sarebbe a detrimento della sicurezza alimentare e della biodiversità, e fornire un'alimentazione migliore a una popolazione in crescita pur rimanendo entro i confini planetari presenta già un enorme sfida. Ci rimane la seconda opzione: volare molto meno.

Ricercatori in movimento

Nel bene e nel male, i ricercatori volano da molto tempo. I vantaggi includono scambi scientifici e umani e la creazione di reti più grandi con portata più ampia, fornendo risultati più solidi. Il costo è la "mania d'incontro" internazionale, che consuma tempo, energia e denaro e di chi l'impronta di carbonio è enorme.

"Un ricercatore isolato è un ricercatore perso", dice il proverbio. Oggi, a meno che gli scienziati non siano avanzati nella loro carriera, quelli che rinunciano al volo sono emarginati. Trasgrediscono le regole di un ambiente che valuta frequenti scambi e iperattività. In tal modo, perdono opportunità di stabilire contatti per nuovi progetti collaborativi e rischiano di non essere "in loop".

Questa osservazione non è specifica per la ricerca: riguarda tutti gli ambienti competitivi, che nel nostro mondo globalizzato è un numero molto elevato di professioni. Per emettere meno CO2 è ridurre le proprie attività; ridurre le proprie attività, quando si è soli a farlo, è escludersi dalla concorrenza. Se il primo ad agire perde, non sorprende che gli impegni governativi sul clima lo siano lungi dall'essere sufficienti, e persino insoddisfatti.

Riducendo volontariamente le proprie emissioni, la comunità scientifica sarebbe esemplare per due motivi. Innanzitutto, mostrerebbe che la scienza - i severi avvertimenti di climatologi ed ecologi - deve essere presa sul serio. In secondo luogo, proverebbe che un settore professionale può superare l'atteggiamento fatale "il primo ad agire perde" e collettivamente cambiano il suo comportamento.

conferenze

Il primo progetto per cambiare la situazione potrebbe riguardare le conferenze scientifiche. Storicamente, hanno permesso di condividere rapidamente risultati importanti, in un momento in cui la comunicazione con le riviste avveniva per posta. Pubblicare un articolo era necessariamente un processo lento, e una volta pubblicato, la sua circolazione era limitata da riviste esistenti solo su carta. Oggi è possibile pubblicare in tempi record e gli articoli sono immediatamente disponibili online.

Le Conferenze sono diventate essenzialmente aree di brainstorming collettivo, dove una miscela del programma ufficiale e di incontri informali produce fruttuosi scambi. Tuttavia, possono anche essere una fonte di significative emissioni di carbonio.

Esistono tre modi per limitare l'impronta di carbonio delle conferenze.

  • Vai a meno di loro. I principali incontri scientifici mondiali emettono decine di migliaia di tonnellate di CO2. Tuttavia, con il pretesto del contatto umano ma anche della comunicazione (anche del "ronzio"), si moltiplicano senza una vera giustificazione. Non è raro avere tre, quattro o anche più conferenze di rilevanza globale ogni anno sullo stesso tema, ognuna con organizzatori separati.
  • Organizzare eventi che preservano l'interazione sociale limitando il viaggio, e quindi CO2 emissioni. Questo è il concetto di conferenze multi-sito, dove i siti hub regionali sono collegati con la videoconferenza. In questo caso, la scelta delle posizioni centrali (relative al pubblico atteso), anziché i luoghi piacevoli ma spesso remoti, ridurrebbe la distanza totale percorsa. Anche le distanze più brevi rendono i treni sempre più pratici e, nei paesi in cui i treni operano con elettricità a basse emissioni di carbonio, producono molto meno CO₂ per passeggero e chilometro di aerei.
  • Virtualizzare incontri: "conferenze no-fly" a cui tutti possono connettersi da casa. Esperimenti pilota sono stati incoraggianti e gli sviluppi tecnologici dovrebbero consentire formati sempre più sofisticati, compresi programmi ufficiali (facili da virtualizzare, anche per domande e risposte) e sessioni informali programmate o improvvisate. Questi ultimi sono meno facili da organizzare, ma dovranno essere preservati perché contribuiscono all'interesse di questi eventi.

Incontri

Mentre si spera che le teleconferenze sostituiscano gradualmente le riunioni faccia a faccia, i due stanno di fatto crescendo in parallelo. Questo è simile a ciò che sta accadendo con l'energia: la produzione da fonti rinnovabili sta aumentando rapidamente, ancora il consumo di combustibili fossili continua a crescere.

L'importanza di stabilire e mantenere buoni rapporti attraverso il contatto umano diretto e anche l'efficienza - lavoriamo meglio quando ci conosciamo - sono buoni motivi per viaggiare. Ma non al punto di ignorare la realtà della nostra situazione ambientale.

Il bilancio del carbonio oltre il quale rischiamo di cadere in una situazione climatica incontrollabile è ora stimato in circa 800 miliardi di tonnellate di CO₂, un po 'più di 100 tonnellate per ciascuno degli 7.5 miliardi di abitanti del pianeta. Distribuito su 30 anni, questo dà una media di tonnellate di 3 all'anno per persona. Due viaggi di andata e ritorno transatlantici in classe economica sono sufficienti per consumare questo bilancio, che superiamo drasticamente già da quando le emissioni medie europee 9 tonnellate di CO₂ all'anno.

La domanda non è più solo se viaggiare di meno. Si tratta di quantificare l'impronta di carbonio del viaggio, fissare obiettivi di riduzione (che dovrebbero essere trasparenti indipendentemente da quanto ambiziosi siano) e verificare che siano soddisfatti.

Meglio ora che dopo

Il mondo net-zero che ci attende ci richiede astinenza da carbonio. Il viaggio aereo è solo un aspetto; tecnologia dell'informazione e della comunicazione (ICT) è un altro. Questo dovrebbe essere organizzato e adottato senza indugio, con il rischio di essere costretti a seguirci in seguito a peggioramento delle condizioni. Incontrarsi fisicamente con colleghi che vivono a migliaia di chilometri di distanza non è un diritto inalienabile. Ignorare la scienza dei gas serra e la conseguente minaccia posta all'umanità sarebbe irresponsabile.

Per continuare a emettere CO2 che le future generazioni dovranno poi cattura dall'atmosfera garantire la propria sopravvivenza sarebbe imperdonabile. Molti istituti di ricerca hanno già adottato politiche per incoraggiare i loro membri ad adottare buone pratiche per la prevenzione dei rischi sul lavoro, la protezione dei dati e il processo decisionale etico. Adesso è tempo che anche le istituzioni adottino la politica riduzione del volo or astinenza da carbonio. Il nostro futuro collettivo dipende da questo.The Conversation

Autori: Xavier Anglaret, Directeur de l'équipe «Malattie infettive nei pagamenti limitati» del Centre Inserm 1219, Università di Bordeaux; Chris Wymant, Ricercatore senior in genetica statistica e dinamica dei patogeni, Università di Oxforde Kévin Jean, Maître de conférences in épidémiologie, Conservatoire national des arts et métiers (CNAM)

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

La Rete Università