Greta Thunberg fa visita alle "capsule di inquinamento" alle Nazioni Unite

Greta Thunberg fa visita alle "capsule di inquinamento" alle Nazioni Unite

Mentre l'attivista climatica svedese 16, Greta Thunberg, era al Vertice delle Nazioni Unite per il clima giovanile, l'artista Michael Pinsky l'ha accompagnata attraverso i suoi "baccelli dell'inquinamento" - un'installazione di cinque camere climatizzate per emulare l'attuale qualità dell'aria in cinque diverse città in tutto il mondo. 

Pompando calore e vari profumi in cupole di plastica larghe un metro 19, Pinsky è in grado di imitare le condizioni respiratorie a Tautra, Londra, Nuova Delhi, Pechino e San Paolo. 

Attualmente, l'inquinamento atmosferico è responsabile ogni anno di 7 milioni di morti in tutto il mondo. I contenitori per l'inquinamento di Pinsky sono progettati per attirare l'attenzione su questo problema urgente. 

Nell'ultimo anno circa, i pod per l'inquinamento di Pinsky hanno viaggiato per il mondo, ma questa è la prima volta che arrivano alle Nazioni Unite. È stato reso possibile grazie a una partnership con l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 

Pod 1: Tautra

Il primo pod del tour imita la qualità dell'aria di Tautra, una piccola isola della Norvegia con una popolazione inferiore a 100. Comprensibilmente, l'aria in questo baccello è fresca e facile da respirare. Se non fosse per la copertura in plastica progettata per tenere fuori l'aria di New York City, si potrebbe persino immaginare la sensazione di una vivace brezza scandinava.

Michael Pinsky (a sinistra), Greta Thunberg (al centro) e Maria Neira (a destra) in piedi nel pod di Tautra
Immagine: The University Network

Nel complesso, la classifica della qualità dell'aria in Norvegia 11th nel mondo, secondo l'indice di prestazione ambientale. 

Tuttavia, lo stesso non si può dire di Londra, che è il prossimo pod del tour. 

Pod 2: Londra

Come Thunberg, Pinsky e Maria Neira, direttore del Dipartimento di sanità pubblica e ambiente dell'OMS, si fanno strada attraverso il corridoio coperto di plastica che collega il pod Tautra al pod di Londra, inizia a sentirsi un po 'più caldo e sentori di gasolio riempiono l'aria.  

Maria Neira parla con Greta Thunberg mentre cammina verso il pod di Londra
Immagine: The University Network

Londra ha un problema. Attualmente un bambino su cinque che vive in città ha l'asma, Tempi di sostenibilità rapporti. 

"Stiamo investendo nell'educazione dei nostri figli, e mentre stanno aspettando sull'autobus per andare a scuola, respirano aria inquinata che va nel loro cervello e influenzano il loro sviluppo", ha detto Neira.

Ma per fortuna, è un problema relativamente risolvibile, spiega Pinsky. I londinesi devono solo smettere di guidare. 

E rispetto ad alcune delle altre città incluse in questa installazione, l'aria di Londra non è poi così male. 

Le cose peggioreranno molto al prossimo pod - New Delhi. 

Pod 3: Nuova Delhi

L'aria nel baccello di Nuova Delhi è calda, densa e appiccicosa e puzza di gasolio e di rifiuti bruciati. Visibilmente, è difficile da vedere. E fisicamente, è miserabile inspirare. È di gran lunga il baccello più soffocante dell'instillazione.  

"Nuova Delhi ha un enorme problema, ma non è un problema semplice", ha detto Pinsky. 

"Siamo qui da un minuto e stiamo già soffrendo", ha detto Neira. "Immagina i milioni di persone che vivono permanentemente in queste condizioni ... È assolutamente inaccettabile. " 

In 2017, aria tossica ha causato 1.24 milioni di morti in India, da solo. I bambini che crescono a Nuova Delhi sono praticamente condannati dal giorno in cui sono nati. 

E, in tutto il mondo, un terzo dei decessi per malattie cardiache, cancro ai polmoni e ictus sono dovuti all'inquinamento atmosferico, secondo la CHI

Il tour continua con il pod di Pechino. 

Pod 4: Pechino 

Sebbene l'aria nel baccello di Pechino sia ancora calda, fumosa e difficile da vedere, è un sollievo rispetto a Nuova Delhi. 

Michael Pinsky parla con Greta Thunberg nel pod di Pechino
Immagine: The University Network

La qualità dell'aria nella capitale cinese ha colpito Rock Bottom intorno a 2012, con lo smog di grande preoccupazione. Quell'anno, 1 milioni di persone sarebbero morte in Cina a causa dell'inquinamento atmosferico. 

Negli ultimi anni, tuttavia, Pechino ha fatto molto per ridurre l'inquinamento atmosferico e di conseguenza ha visto molti più cieli blu. Tuttavia, la città ha ancora molto lavoro da fare. Attualmente, non soddisfa ancora i livelli di qualità dell'aria raccomandati dall'OMS.  

"Quando inizia a fare un po 'freddo, (la gente di Pechino) sta ancora usando legna e carbone per mantenere calde le proprie case", ha detto Pinsky. "E questo può portare a livelli di visibilità piuttosto bassi."

L'ultima tappa del tour è il pod di San Paolo. 

Pod 5: San Paolo

Provenendo dal pod di Pechino, la visibilità nel pod di San Paolo per prima sembra abbastanza chiara. Tuttavia, Pinsky afferma di pompare ozono nel baccello di San Paolo per replicare i livelli di smog industriale che inquina la città brasiliana. 

Michael Pinsky parla con Greta Thunberg nel Pod di San Paolo
Immagine: The University Network

Oltre ad essere dannoso per la salute polmonare, l'ozono può compromettere la capacità dell'olfatto di qualcuno. 

"Porto le persone in questa stanza per ultimo perché brucia quel grasso sui peli della narice, e dopo non riesci più a sentire l'odore così bene," disse Pinsky. 

Il percorso di Pinsky verso i baccelli

Dopo essere sfuggito al pod finale, Pinsky si prese un momento per descrivere la sua motivazione dietro questa installazione. 

"Sono arrivato a questo pezzo facendo un sacco di lavoro sui cambiamenti climatici e lottando per coinvolgere le persone con i cambiamenti climatici perché è una cosa così epica da affrontare", ha detto Pinsky. “Le persone sono in ansia per questo, ma non sanno cosa fare al riguardo. Quindi, in un certo senso, questo pezzo è un tentativo di suonare quasi più verso una parte egoista. Se siamo in grado di affrontare l'inquinamento atmosferico, che ci colpisce immediatamente e colpisce i nostri figli immediatamente - non in futuro - affrontando ciò, anche tu hai a che fare con i cambiamenti climatici ”.  

Pinsky ha girato i suoi contenitori per l'inquinamento in varie aree del mondo e ha visto molte reazioni diverse. 

"Colpisce le persone in diversi modi", ha detto Pinsky. "Alcune persone che vengono qui che sono abituate a questo tipo di inquinamento verranno qui e diranno:" Michael, non è poi così male ". E ho avuto persone dall'Irlanda occidentale e non riescono a superare. Non riescono fisicamente a superarlo. "

La reazione di Greta

Durante il tour, Thunberg rimase in silenzio. Presumibilmente, stava accettando tutto. 

Dopo il tour, tuttavia, ha reagito con gratitudine per gli sforzi di Pinsky. 

"Se le persone possono sperimentare questo - come vivono le persone in tutto il mondo ogni singolo giorno - penso che porterà molta attenzione", ha detto Thunberg. “E penso che le persone saranno più incoraggiate ad affrontare questo problema.

"Tutto è così connesso - la crisi climatica e l'inquinamento atmosferico - è così connesso e non possiamo risolvere l'uno senza risolvere l'altro".  

La Rete Università