La Rete Università

Domande da porre durante i colloqui di lavoro - Intervista a Natalia Guarin-Klein, direttrice, Career Center del Brooklyn College

TUN si incontra con Natalia Guarin-Klein, direttrice del Magner Career Center al Brooklyn College, per discutere le domande che puoi porre (o meno) durante i colloqui di lavoro. 

TUN: Natalia, grazie mille per esserti unito a noi. 

Guarin-Klein: Grazie per avermi invitato. 

Perché è importante porre domande durante i colloqui di lavoro? Cosa mostra l'intervistatore? 

Penso sia così importante. È qualcosa che devi considerare mentre prepararsi per il colloquio perché mostra interesse per il datore di lavoro. Vuoi mostrare loro che ci metti impegno ed energia facendo ricerche e preparando domande. 

Inoltre, se non fai una domanda, in qualche modo indica loro che forse hai intervistato perché sei alla disperata ricerca di un lavoro e non sei nemmeno abbastanza sicuro per cosa stai intervistando. 

Quindi, facendo quel passo in più per fare ricerca e trovare buone domande, fa sapere a quel datore di lavoro, "Wow. Devono essere davvero interessati. " 

Quante domande un candidato dovrebbe porre all'intervistatore? C'è un intervallo fisso? 

Non penso che ci sia un intervallo fisso, ma di solito ne consiglio almeno cinque. Ciò non significa che avrai effettivamente la possibilità di porre quelle cinque domande. 

Non vuoi trovarti in una situazione in cui una delle tue domande ottiene risposta durante la panoramica o l'introduzione, se hai preparato solo due o tre domande. Forse il prossimo colloquio è in ritardo e loro hanno il tempo di continuare a parlare con te. Inizierai a sentirti nervoso se dici: "No, non ho altre domande". 

Quindi dico sempre almeno cinque. Non fa mai male essere più preparati, fintanto che capisci che potresti non avere la possibilità di chiederli a tutti. 

Quando dici "i candidati dovrebbero preparare le domande", intendi nella loro mente o fisicamente su un pezzo di carta che portano al colloquio? 

Penso che sia decisamente appropriato e va bene averli scritti. Non ho mai incontrato, né personalmente né durante la consulenza agli studenti, un caso in cui un datore di lavoro fosse turbato se un candidato stava leggendo. 

Proprio come qualsiasi cosa, non leggerei letteralmente ogni singola domanda dal giornale. Potresti prendere appunti e dare un'occhiata alle tue domande. Non passerei il tempo a leggere letteralmente il giornale. Ma li avrei pronti nel tuo taccuino o portfolio che hai portato con te. 

Quali sono alcune delle migliori domande o argomenti da sollevare durante un colloquio di lavoro? Puoi esaminarne alcuni?

In realtà, consiglio agli studenti di non cercare su Google o di cercare un libro che dica "le migliori domande". Se lo fai, altre persone lo fanno, il che significa che l'intervistatore riceve molte domande simili. È un po 'noioso ed è ovvio per loro che hai cercato su Google o cercato domande.

Quindi, la mia raccomandazione è di proporre le tue domande sulla base della tua ricerca. Quindi, quando guardi il sito Web dell'azienda, forse c'è qualcosa in un premio che hanno vinto o nel riconoscimento che hanno ricevuto che ti ha davvero colpito. Forse c'è un programma di formazione o un'iniziativa che hanno pensato fosse interessante.

In questo modo, segui ciò che hai imparato sul sito web. Le domande non sono generiche e non sono: "Non so niente dell'azienda". Sono davvero un seguito alla ricerca che hai fatto. 

Non chiedere qualcosa che è molto chiaro sul sito web. Ciò significa che non hai fatto la tua ricerca. Non fare domande a cui la persona ha risposto in precedenza durante la conversazione mentre non stavi prestando attenzione. 

Puoi porre alcune domande di base in termini di passaggi successivi. Puoi chiedere, ad esempio, "Cosa posso aspettarmi dal processo se andiamo avanti". Questa è una buona domanda generica. 

Puoi fare domande su ciò che gli piace di più del lavoro in azienda, da quanto tempo sono lì, le cose che li hanno fatti rimanere per 10 anni, se sono 10 anni o perché hanno scelto l'azienda. Queste sono buone domande generiche. 

Ma la maggior parte delle domande dovrebbe essere davvero dettagliata, specifica per l'azienda e basata sulla ricerca che hai fatto.

Ci sono altri argomenti che i candidati dovrebbero evitare, come, ad esempio, aumentare lo stipendio o i benefici?

Quindi, il mio consiglio è di aspettare finché non ottieni l'offerta. Distinguere tra le domande prima di ricevere l'offerta e dopo. 

Dopo [hai ricevuto l'offerta] è quando potresti chiedere: "Devo lavorare nei fine settimana? Ci saranno molti straordinari? Quali sono i miei vantaggi? " È dopo, una volta che hai l'offerta. 

Non fare domande che potrebbero far riflettere il datore di lavoro e dire: "Perché lo chiedono?" 

Se dovessi chiedere: "Devo lavorare lunghi fine settimana o lunghe notti", potrebbe essere qualcosa che vorresti davvero sapere. Ma potrebbe farli preoccupare che tu possa essere preoccupato per le lunghe ore di lavoro. 

Cose intorno allo stipendio e ai benefici, non avrei chiesto prima. Aspetta di avere l'offerta a portata di mano. 

Le domande che fai durante il colloquio dovrebbero riguardare maggiormente il tentativo di capire se l'azienda è adatta a te dal punto di vista culturale.

Si spera che tu riceva un'offerta. A quel punto, puoi fare alcune domande aggiuntive. Non avrei una lista di 20, perché sembrerà che tu li stia interrogando. Ma scegli quei due o tre argomenti fondamentali. Decidi cosa è più importante per te e poi potresti seguire l'offerta per porre quelle domande.

Grazie, Natalia, per esserti unita a noi oggi. 

Il piacere è tutto mio. Grazie per avermi ospitato. 

Questa intervista è stata modificata per chiarezza. Guarda il video completo qui.

La Rete Università