Le università, in tutto il mondo, cercano la blockchain per eseguire il backup delle credenziali

Tradizionalmente, quando gli studenti decidono di fare domanda per un lavoro o una scuola di specializzazione o di trasferirsi in un'altra università, devono contattare l'ufficio dell'economo del college per una copia della trascrizione o del curriculum accademico.  

Questo metodo spesso non è solo dispendioso in termini di tempo e scomodo, ma può anche costare denaro, sembrando un ultimo tentativo delle università per racimolare qualche dollaro in più dagli studenti.  

Ma ora, le università di tutto il mondo stanno facendo il salto ai diplomi digitali supportati da blockchain, la stessa piattaforma utilizzata per proteggere la valuta Bitcoin.   

Questo salto consente agli studenti o ai neolaureati di controllare i propri record, dando loro libero accesso in qualsiasi momento.

Inoltre, rende molto più facile il trasferimento alle scuole, in particolare quelle all'estero.

Qualsiasi informazione memorizzata su blockchain è privata, non può essere toccata da una parte esterna ed è nel sistema per sempre.

L'utilizzo della blockchain avvantaggia sia il richiedente che la persona che rivede una trascrizione.

Poiché le trascrizioni ei diplomi cartacei possono essere facilmente manipolati tramite strumenti di editing, i datori di lavoro e le scuole di specializzazione devono spesso eseguire controlli dei precedenti.

Con la sicurezza garantita della blockchain, tuttavia, i controlli in background possono essere condotti con il semplice clic di un pulsante.

Che cos'è il blockchain?

Blockchain è un elenco in crescita di record, chiamati individualmente blocchi, protetti tramite crittografia.

Ogni blocco è crittografato, timestamp e aggiunto a una sequenza temporale virtuale.

Una volta che le informazioni vengono aggiunte alla blockchain, non possono essere hackerate o replicate in alcun modo perché la tecnologia è ospitata da milioni di computer. Non esiste una versione centralizzata della blockchain, quindi un hacker dovrebbe, essenzialmente, interrompere l'intero sistema per alterare un'informazione.

Il diploma digitale debutta al MIT

L'uso della blockchain per proteggere diplomi elettronici iniziato nel 2016 al MIT.

Un anno dopo, un gruppo di 111 laureati è diventato il primo ad avere una copia del proprio diploma assicurata su un'app sul proprio smartphone.

L'app, chiamata Portafoglio Blockcerts, è stato sviluppato attraverso una partnership tra il MIT Registrar's Office e Machine Learning, una società di sviluppo software.

Questo sviluppo rivoluzionario è stato il primo a dare alle singole persone il pieno controllo sui propri documenti accademici.

"Fin dall'inizio, una delle nostre motivazioni principali è stata quella di consentire agli studenti di essere i curatori delle proprie credenziali", ha detto in una dichiarazione Mary Callahan, registrar del MIT e senior associate dean.

"Questo progetto pilota consente loro di avere la proprietà dei propri record ed essere in grado di condividerli in modo sicuro, con chiunque scelgano."

Blockchain potrebbe eseguire il backup delle credenziali anche in caso di disastro, il che potrebbe far chiudere i battenti un'università.

"Ci sono tutti i tipi di disastri, che si tratti di un disastro di guerra come in Siria, o di un disastro naturale come alle Bahamas, o di un disastro tecnico come in Equifax - questo tipo di cose accadono sempre e sono inevitabili, " Chris Jagers, co-fondatore e CEO di Learning Machine, ha dichiarato in una nota.

Afferma che collegando le credenziali alla blockchain, "possiamo garantire di non avere un singolo punto di errore e che le persone possano effettivamente possedere i propri documenti di identità senza alcuna dipendenza continua dagli emittenti originali o da un particolare fornitore".

Applicazioni in tutto il mondo

L'uso della blockchain per il backup delle credenziali non è esclusivo degli Stati Uniti Molte università in tutto il mondo stanno iniziando ad adottare il concetto e potrebbe rendere molto più facile il trasferimento oltre i confini nazionali.

L'Università di Nicosia a Cipro era il prima università del mondo pubblicare certificati accademici su blockchain, a partire dal 2014.

Nel novembre 2017, è diventata la prima università a rilasciare tutti i diplomi - laurea, master e dottorato - su blockchain.

Nell'ottobre 2017, l'Università di Melbourne divenne la prima università nella regione Asia-Pacifico per utilizzare la blockchain per gestire i dati degli studenti.

L'Università finanziaria sotto il governo della Federazione russa, con sede a Mosca, di recente registrato tutti i diplomi è stato pubblicato negli ultimi 10 anni su blockchain. A partire da settembre 2018, l'università prevede di consentire a qualsiasi potenziale datore di lavoro di visualizzare una copia del diploma digitale di ciascun laureato sul sito web dell'università.

Nel giugno 2018 l'Università di Pisa ha collaborato con il Centro di informazione sulla mobilità e l'equivalenza accademica (CIMEA) per diventare la prima università in Italia ad adottare la tecnologia.

"Il progetto è stato creato originariamente dal desiderio di accelerare il processo di registrazione degli studenti internazionali ai nostri corsi universitari", ha detto Francesco Marcelloni, vicerettore per la cooperazione e le relazioni internazionali dell'Università di Pisa.

L'università è orgogliosa del suo impegno per l'internazionalizzazione e l'innovazione nella ricerca e nell'insegnamento, ha affermato Paolo Maria Mancarella, rettore dell'Università di Pisa e professore presso il Dipartimento di Informatica.

Il progetto Pisa è un trampolino di lancio per raggiungere una maggiore diversità all'interno delle università.

"Immagina un mondo futuro in cui gli studenti possano spostarsi da un'università all'altra, in paesi diversi, senza doversi scambiare fisicamente documenti, in un'ottica di piena dematerializzazione", ha detto Mancarella.

Nel complesso, questo sviluppo rende l'intero processo di condivisione delle credenziali semplice e sicuro.

"La possibilità di avere un certificato digitale su blockchain aiuterà gli studenti durante e dopo la loro carriera accademica, facilitando il lavoro dei valutatori di titoli", ha affermato Luca Lantero, direttore di CIMEA.

Applicazioni future

Andando avanti, potrebbe essere possibile creare certificati impilabili su blockchain, consentendo alle persone di combinare le credenziali di più istituzioni.

Le persone potrebbero avere tutti i loro diplomi e certificazioni combinati in un unico punto facile, pronti per essere mostrati a istituzioni e datori di lavoro.

"Non si tratta solo di risolvere un problema", ha detto Jagers in una dichiarazione. “È davvero trasformativo. E potrebbe essere grande quanto il web, perché interessa ogni settore. Non sono solo documenti accademici. È essere in grado di sapere passivamente che le cose digitali sono vere. Questo crea una realtà completamente nuova in ogni settore ".

La Rete Università