COVID può essere grave per 1 giovane adulto su 3, risultati dello studio

COVID può essere grave per 1 giovane adulto su 3, risultati dello studio

In molti stati degli Stati Uniti, i tassi riportati di COVID-19 sono in rapido aumento e un'alta percentuale di coloro che contraggono la malattia sono giovani adulti. 

In Florida, ad esempio, l'età media delle persone infettate da COVID-19 è ora 21. Tendenze simili possono essere trovate in altri stati, tra cui Arizona, California e Texas.

In parte a causa della percezione di essere meno vulnerabili ai sintomi gravi del COVID-19, troppi giovani non hanno aderito alle misure di sicurezza messe in atto dal CDC. Nei campus universitari, incluso il University of California-Berkeley e al Università di Washington, le feste di confraternite estive hanno portato a un notevole aumento degli studenti risultati positivi per la nuova malattia. 

Dall'inizio della pandemia, ai giovani adulti è stato chiesto di indossare maschere e la distanza sociale, cosa più importante, per ridurre le loro possibilità di trasmettere il virus ai membri della famiglia più vulnerabili. 

Ma un nuovo studio guidato da ricercatori dell'Università della California di San Francisco (UCSF) suggerisce che, forse, i giovani dovrebbero anche preoccuparsi di se stessi, poiché la sola età potrebbe non essere sufficiente a schermare i sintomi gravi. 

I ricercatori hanno esaminato i dati di un gruppo rappresentativo a livello nazionale di 8,400 uomini e donne di età compresa tra i 18 ei 25 anni e hanno concluso che il 33% dei giovani uomini e il 30% delle giovani donne inclusi nello studio erano "clinicamente vulnerabili". 

A Comunicato stampa UCSF sullo studio fa riferimento ai dati del CDC per suggerire che mentre le persone di età superiore ai 65 anni hanno ancora una probabilità significativamente maggiore di essere ricoverate in ospedale rispetto ai giovani, il divario si sta riducendo. 

A metà aprile, ci sono stati meno di nove ricoveri per 100,000 individui di età compresa tra 18 e 29 anni, rispetto a oltre 128 per 100,000 della popolazione per i pazienti con più di 65 anni. Entro la fine di giugno, le cifre per entrambi sono aumentate a 34.7 e 306.7 , rispettivamente. La quota dei ricoveri per i giovani adulti è aumentata del 299%, rispetto a un aumento del 139% dei ricoveri per gli over 65. 

Determinare chi è "vulnerabile"

Il CDC elenca una serie di condizioni di salute e abitudini - denominate "indicatori" - che hanno dimostrato di aumentare la probabilità degli individui di manifestare sintomi gravi, che possono portare al ricovero e persino alla morte. 

Questi fattori di rischio includono malattie cardiache, diabete, asma attuale, condizioni immunitarie (come lupus, gotta e artrite reumatoide), malattie del fegato, obesità e fumo di sigaretta o sigaro. I ricercatori hanno anche aggiunto il fumo di sigaretta elettronica all'elenco perché "è stato identificato come un fattore che contribuisce alle malattie respiratorie e immunitarie".

Poiché non c'erano dati significativi e affidabili sull'impatto relativo di ciascun indicatore CDC, i ricercatori hanno deciso che avere almeno uno degli indicatori rendeva qualcuno vulnerabile. Quindi, tra i fumatori, ad esempio, il 100% è stato ritenuto vulnerabile per il COVID-19 grave. 

Il fumo è il principale fattore di rischio 

In particolare, il fumo è stato determinato come la principale causa di vulnerabilità medica tra i giovani adulti. Dei non fumatori partecipanti allo studio, solo il 16% circa è stato considerato vulnerabile. 

"Prove recenti indicano che il fumo è associato a una maggiore probabilità di progressione del COVID-19, inclusa una maggiore gravità della malattia, ricovero in terapia intensiva o morte", primo autore Sally Adams, del National Adolescent and Young Adult Health Information Center dell'UCSF, ha detto nel comunicato. "Il fumo può avere effetti significativi nei giovani adulti, che in genere hanno tassi bassi per la maggior parte delle malattie croniche".

E, in particolare, i giovani adulti stanno iniziando a fumare a tassi più elevati rispetto agli adolescenti, ha aggiunto, il che è un'inversione delle tendenze precedenti. 

Utilizzando i dati del National Health Interview Survey, i ricercatori hanno scoperto che nei 30 giorni precedenti, il 10.9% dei giovani adulti aveva fumato una sigaretta, il 7.2 aveva fumato una sigaretta elettronica e il 4.5 aveva fumato un prodotto a base di sigari. 

"Il rischio di essere vulnerabili dal punto di vista medico a malattie gravi si dimezza quando i fumatori vengono rimossi dal campione", autore senior Charles Irwin Jr., che è un professore di pediatria e direttore della divisione di medicina per adolescenti e giovani adulti presso la UCSF School of Medicine e l'UCSF Benioff Children's Hospital, ha detto nel comunicato. "Gli sforzi per ridurre il fumo e l'uso di sigarette elettroniche tra i giovani adulti ridurrebbe probabilmente la loro vulnerabilità a malattie gravi".

Complessivamente, il 20% dei giovani inclusi nello studio fumava, l'8.6% soffriva di asma, il 3% di obesità, il 2.4% di disturbi immunitari, l'1.2% di diabete, lo 0.6% di malattie del fegato e lo 0.5% di malattie cardiache. 

Alcuni degli indicatori presentavano differenze di genere. Significativamente meno giovani donne fumavano, quindi la loro vulnerabilità medica complessiva è inferiore a quella dei giovani uomini (29.7% rispetto al 33.3%). Tuttavia, le giovani donne avevano maggiori probabilità degli uomini di avere l'asma (10% rispetto al 7.3%), di essere obese (3.3% rispetto al 2.6%) e di avere condizioni immunitarie (3.2 rispetto all'1.6%).

La Rete Università