La Rete Università

Come scrivere un saggio espositivo

Il saggio espositivo è un genere di saggistica in cui uno scrittore mira a spiegare un argomento o un concetto. In questo genere di saggistica, lo scrittore non è tenuto a proporre un argomento originale, ma mira piuttosto a educare il lettore su un argomento. Questo contrasta con il polemico che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi saggio convincente generi, in cui lo scrittore prende una posizione chiara su un argomento controverso, con l'obiettivo di indurre il lettore a concordare con la loro posizione. Un saggio espositivo può coprire un argomento controverso, ma in questo genere, lo scrittore non prenderà una posizione dura sull'argomento, ma piuttosto fornirà una panoramica olistica di esso. 

La scrittura espositiva mira ad essere oggettiva e approfondita nella sua analisi. Il termine "espositivo" significa spiegare, descrivere o definire. In effetti, l'autore dovrebbe provare a presentare un file balanced prospettiva sull'argomento in questione. I saggi di esposizione compaiono più spesso nei libri di testo, nelle enciclopedie, negli articoli giornalistici e nella scrittura scientifica o tecnica. 

In contesti accademici, i saggi espositivi vengono spesso assegnati nei corsi delle scuole superiori o universitari per valutare la comprensione degli studenti di un determinato argomento. Il suggerimento di un saggio espositivo in genere chiederà allo scrittore di "spiegare", "definire" o "esplorare" un determinato argomento.

In questo articolo discuteremo lo stile, la sostanza e la struttura dei saggi espositivi.

Stile di scrittura espositiva

In un saggio espositivo, lo scrittore mira a presentare le informazioni nel modo più imparziale possibile. Di regola, i saggi espositivi generalmente evitano l'uso di espressioni e vocaboli soggettivi. Sono incentrati sulla presentazione dei fatti e forniscono meno analisi rispetto ad altre forme di scrittura. 

In un saggio argomentativo o persuasivo, gli scrittori presenteranno tipicamente i fatti insieme a un'analisi. In questo contesto, i fatti sono usati come prove a sostegno di una specifica affermazione o argomentazione, con l'intenzione di condurre il lettore a una conclusione specifica.

Nella scrittura espositiva, i fatti stanno da soli. Qualsiasi analisi viene utilizzata allo scopo di chiarire o spiegare le informazioni fattuali presentate, non allo scopo di persuadere il lettore. I saggi espositivi su argomenti controversi dovrebbero quindi essere dialettico nel senso che danno voce uguale a tutte le prospettive sulla questione. 

Poiché i saggi espositivi si sforzano di ottenere questo tono oggettivo, sono praticamente sempre scritti in terza persona. La terza persona consente allo scrittore di rimuovere il più possibile la propria soggettività dalla scrittura. In altre forme di scrittura, la voce dello scrittore può svolgere un ruolo importante. Nella scrittura espositiva, lo scrittore dovrebbe mirare a rimuovere il più possibile la propria voce dalla scrittura, consentendo alle informazioni presentate nel saggio di parlare da sole.

Processo di scrittura di un saggio espositivo

Scegli un argomento

Il processo di scrittura di un saggio inizia sempre con la scelta di un argomento di cui scrivere. I saggi di esposizione generalmente cercano di spiegare un fenomeno, un evento, un'idea o un oggetto. Ci sono una varietà di sottogeneri di scrittura espositiva, inclusi ma non limitati a:

  • Articolo definitivo: Fornisce una descrizione dettagliata di un fenomeno, evento, idea o oggetto (ad esempio, un articolo di un'enciclopedia)
  • Articolo giornalistico: Fornisce una spiegazione dettagliata di un evento o situazione attuale (ad esempio, un articolo di giornale)
  • L'articolo How-To: Descrive un processo in una serie di passaggi (ad esempio, una ricetta)
  • Il saggio comparativo: Confronta e contrappone due o più argomenti in modo imparziale e informativo
  • Analisi di un problema: Descrive un problema e varie posizioni o soluzioni per il problema, supportato da prove e dati

In tutti questi sottogeneri, lo scopo principale del saggio - informare ed educare il lettore sull'argomento del saggio - rimane costante. 

Ricerca

La fase di ricerca è la fase più importante e spesso la più lunga nello sviluppo di un saggio espositivo. Durante la fase di ricerca, lo scrittore mira a sviluppare una comprensione completa del proprio argomento consultando una varietà di fonti. 

Il processo di ricerca può variare a seconda dell'argomento e del tipo di articolo. Ad esempio, un giornalista che copre un crimine locale per un giornale probabilmente raccoglierà informazioni attraverso interviste a testimoni oculari e polizia. Possono anche includere informazioni di base sulla criminalità nell'area analizzando i registri della polizia e le banche dati pubbliche che forniscono statistiche sulla criminalità.

Al contrario, uno studente laureato che scriveva un saggio sull'economia americana durante la seconda guerra mondiale avrebbe ricercato il proprio argomento leggendo diversi libri che forniscono varie prospettive sull'argomento e analizzando le fonti primarie nelle biblioteche di ricerca. 

Un food blogger che scrive una ricetta per i biscotti al burro di arachidi consulterebbe e sperimenterebbe varie altre ricette al fine di sviluppare il processo migliore per preparare un biscotto al burro di arachidi.

In tutti i casi, gli scrittori utilizzano il processo di ricerca per sviluppare competenze sull'argomento della loro scrittura, in modo che possano quindi istruire i loro lettori.

Organizza le informazioni

Dopo aver completato la fase di ricerca, puoi iniziare a compilare e organizzare le informazioni che hai raccolto durante la loro ricerca. Durante questa fase di transizione, dovresti iniziare pensando a come presentare il tuo argomento in modo più chiaro e logico.

Il modo in cui le informazioni vengono presentate al lettore può variare a seconda dell'approccio dello scrittore. Usando il nostro precedente esempio di un saggio sull'economia americana durante la seconda guerra mondiale, lo scrittore potrebbe ritenere opportuno presentare le proprie informazioni in ordine cronologico, cioè organizzate sequenzialmente in base al tempo. Questo approccio consente allo scrittore di enfatizzare i cambiamenti nell'economia nelle diverse fasi della guerra. 

In alternativa, lo scrittore potrebbe organizzare la propria ricerca per categorie. In questo esempio, potrebbero organizzare la loro carta da diversi settori durante la seconda guerra mondiale e discutere le caratteristiche di ogni settore durante questo periodo di tempo in modo approfondito.

Entrambi gli approcci sono ugualmente validi, ma forniscono prospettive diverse sull'argomento del saggio. È importante pensare in generale a come si desidera presentare il proprio argomento e più specificamente ai punti chiave di enfasi mentre si organizza la ricerca.

Costruisci contorno

Dopo aver organizzato la tua ricerca in un ordine logico, puoi iniziare costruire uno schema. Uno schema completo dovrebbe contenere una bozza della tua tesi, frasi di argomento per ogni paragrafo o sezione del corpo e prove organizzate sotto ogni affermazione principale che fai durante il saggio. Quando finisci la tua bozza, dovresti aver completamente finito di raccogliere e organizzare le tue prove.

Scrivi

Con uno schema completo in mano, puoi iniziare a scrivere il tuo saggio sul serio. Con uno schema completo e approfondito, il processo di scrittura del saggio dovrebbe consistere principalmente nel collegare le prove e nel rimpolpare le sezioni del tuo articolo con le transizioni. È importante che la tua carta abbia un flusso logico e naturale e legga chiaramente.

Rivedi / Modifica

Una volta completata una bozza completa, è possibile avviare il processo di revisione e modifica. Nella fase di revisione, l'autore mira a migliorare il saggio apportando modifiche all'organizzazione, alla struttura e alla scelta delle parole. In un saggio espositivo, dovresti rivedere con chiarezza in mente. Spesso questo può significare semplificare la struttura della frase o la scelta delle parole o riorganizzare la struttura in modo che fluisca in modo più logico. La modifica si riferisce al processo di base della correzione di bozze del saggio e della correzione degli errori grammaticali e di ortografia. I saggi spesso attraversano più fasi di revisione e modifica prima di essere finalizzati. 

Struttura di un saggio espositivo

Come altri generi di saggistica, i saggi espositivi sono tipicamente composti da un file introduzione che include una dichiarazione di tesi, paragrafi del corpo con dettagli di supporto e a conclusione. Alcuni sottogeneri di scrittura espositiva possono presentare variazioni su questa struttura. Un articolo "How-To", ad esempio, può contenere un elenco puntato di passaggi nel corpo anziché i tradizionali paragrafi di supporto. Tuttavia, la maggior parte dei saggi espositivi sono scritti in un formato di saggio tradizionale.

Introduzione

L'introduzione di un saggio espositivo dovrebbe fornire al lettore una panoramica generale delle informazioni che saranno presentate nel corso del saggio. L'introduzione di un saggio espositivo includerà tipicamente tre caratteristiche chiave: a gancio o frase di argomento, esposizione, E dichiarazione di tesi.

I gancio è la prima o due frasi di un saggio. In un saggio espositivo, il gancio serve a presentare chiaramente l'argomento del saggio. In alcune forme di scrittura di saggi, c'è un'enfasi nel catturare l'interesse del lettore all'inizio del saggio, da cui la frase "gancio". Nella scrittura di saggi persuasivi, ad esempio, l'uso di una citazione che attira l'attenzione o di una componente narrativa all'inizio di un saggio può servire per attirare il lettore nella prospettiva dello scrittore, manipolando così il lettore. In un saggio espositivo, questo tipo di fioritura drammatica è generalmente inutile e persino distrae. Invece, lo scrittore dovrebbe tentare di presentare il lettore nel modo più obiettivo possibile. 

Dopo l'hook, lo scrittore elabora il loro argomento in esposizione, formando la metà dell'introduzione. In questa sezione, lo scrittore introduce concetti e personaggi chiave, che verranno analizzati ulteriormente nel corpo del saggio. 

I dichiarazione di tesi è tipicamente contenuto nelle ultime due frasi dell'introduzione. In un saggio espositivo, l'affermazione della tesi serve a sottolineare i punti di enfasi sull'argomento del saggio. In questo genere di saggistica, l'affermazione della tesi non deve essere un'affermazione discutibile come sarebbe in un saggio argomentativo o persuasivo. Piuttosto, la dichiarazione di tesi dovrebbe servire a portare l'attenzione del lettore sugli aspetti chiave dell'argomento che si desidera evidenziare.

Body

Il corpo di un saggio espositivo è composto da paragrafi di corpo separati che portano individualmente l'attenzione su un aspetto dell'argomento. Ciascun paragrafo del corpo dovrebbe presentare dettagli che supportano la tesi. Tipicamente, i paragrafi del corpo di un saggio espositivo includeranno le seguenti caratteristiche: a espressione chiave, prova, E transizione al paragrafo successivo del corpo.

Nell' espressione chiave di un paragrafo del corpo, l'autore farà sempre un'affermazione generale che si ricolleghi alla tesi o rafforzi l'affermazione della tesi. A seconda di quanto è lungo il saggio e di come è organizzato, più paragrafi del corpo possono discutere lo stesso sottoargomento o tema, ma dovrebbero sempre servire per introdurre un'idea o alcune informazioni relative alla tesi. Ogni paragrafo del corpo dovrebbe presentare nuove informazioni necessarie per comprendere la tesi dell'articolo.

Dopo la frase dell'argomento, la maggior parte di ogni paragrafo del corpo sarà dedicata alla presentazione prova o informazioni che supportano la dichiarazione fatta nella frase dell'argomento del paragrafo. 

Alla fine di ogni paragrafo del corpo, lo scrittore dovrebbe scrivere un breve transizione al paragrafo successivo, consentendo al saggio di scorrere agevolmente da una sezione all'altra. La transizione non dovrebbe essere più lunga di una frase o due.

Conclusione

Nella conclusione di un saggio espositivo, lo scrittore dovrebbe riformulare la tesi alla luce delle informazioni presentate in tutto il saggio. La conclusione non dovrebbe mai presentare nuove informazioni o prove significative. Piuttosto, lo scrittore dovrebbe usare la conclusione per collegare insieme le informazioni presentate in tutto il saggio e per aprire una discussione a implicazioni più ampie.

In conclusione

In un saggio espositivo, lo scopo principale dello scrittore è informare ed educare il proprio pubblico. Per formato e struttura, i saggi espositivi assomigliano tipicamente ad altri generi di saggi di saggistica. Tuttavia, a differenza di generi simili come il saggio argomentativo o persuasivo, il saggio espositivo non mira a far avanzare una posizione o un argomento, ma piuttosto a presentare le informazioni nel modo più equilibrato e imparziale possibile.

La Rete Università