La Rete Università

Come COVID-19 ha influenzato gli adolescenti

Ci sono state molte speculazioni, negli ultimi mesi, su come la pandemia di COVID-19 abbia avuto un impatto sugli adolescenti americani. Genitori, insegnanti, consulenti e operatori sanitari si sono tutti intensificati per esprimere le loro opinioni. 

Ora, gli adolescenti vogliono che gli adulti della loro vita ascoltino. 

In un cittadino sondaggio di oltre 1,000 studenti di età compresa tra 13 e 18 anni, l'organizzazione no profit GENYOUth è stata in grado di ottenere un'istantanea in tempo reale di come si sentono i ragazzi americani mentre entrano in un'estate deformata da chiusure, allontanamento sociale e incertezza. Attraverso il sondaggio, gli adolescenti hanno anche offerto informazioni su ciò di cui hanno maggiormente bisogno dagli adulti nella loro vita per aiutarli a far fronte. 

"Fino ad ora, non abbiamo ricevuto notizie direttamente dagli studenti", ha detto Alexis Glick, CEO di GENYOUth, in un comunicato stampa. “Su questioni di importanza nazionale - che si tratti di pandemia, instabilità economica, fame e insicurezza alimentare, o razza e disuguaglianza - le conversazioni sul modo migliore per aiutare i giovani della nostra nazione devono iniziare con loro. Hanno una voce potente e hanno bisogno di essere ascoltati. "

Le interruzioni e le difficoltà degli adolescenti si sentono

In risposta al sondaggio, un travolgente 62 per cento degli adolescenti ha affermato di sentire un impatto enorme in termini di momenti speciali mancanti nelle loro vite, come balli, balli, concerti e lauree. Il sessantuno percento ha spiegato che sono stati colpiti dall'annullamento dei loro piani estivi, tra cui vacanze, campi e atletica leggera. Il cinquantotto percento ha affermato che stare vicino agli amici è stato più difficile. E il 50 percento è frustrato di aver perso la libertà e il controllo nella propria vita. 

"A causa di questa pandemia, molte grandi ed importanti esperienze ed eventi che non vedevo l'ora di essere stati presi da me", ha detto Viren, un liceo emergente del New Jersey, nel comunicato stampa.

“Non riesco a stare con molti dei miei amici, che sono anziani e mi lasceranno tra pochi mesi. Chissà se questo virus sarà sparito in tempo per me per passare del tempo con loro? È come se ogni giorno sentissi nuove cattive notizie ", ha aggiunto.

Oltre alle interruzioni a breve termine, come perdere il ballo di fine anno e le giornate estive in piscina con gli amici, molti adolescenti hanno espresso preoccupazione per l'impatto a lungo termine. 

Con migliaia di americani che hanno perso il lavoro in mezzo alla pandemia, più di uno su quattro degli adolescenti intervistati ritiene che il benessere delle loro famiglie, inclusa la loro capacità di permettersi spese come cibo e alloggio, sia stato direttamente influenzato. E l'83% di questi intervistati ha riferito di sentirsi angosciato per l'attuale posizione delle loro famiglie. 

I numeri sono ancora più alti per i dati demografici tradizionalmente sottoserviti e quelli delle famiglie che guadagnano meno di $ 35,000 all'anno. Il trentuno per cento degli adolescenti neri, il 38 per cento degli ispanici e il 35 per cento degli adolescenti a basso reddito hanno riferito che la pandemia ha avuto un "enorme impatto" sul benessere delle loro famiglie. 

Naturalmente, molti adolescenti che sono preoccupati per lo stato finanziario delle loro famiglie sentono il bisogno di iniziare a lavorare. Ma le prospettive di lavoro sono anche una grande preoccupazione, poiché il 44% di tutti gli adolescenti intervistati e il 53% degli studenti delle scuole superiori e degli anziani intervistati stanno avendo un impatto enorme sulla loro capacità di ottenere o mantenere un lavoro retribuito. 

Gli studenti sono anche molto preoccupati per il loro futuro educativo tra le molte chiusure e le interruzioni della scuola nel processo di ammissione al college.

In totale, il 31 percento degli studenti intervistati ha dichiarato che il loro futuro educativo è stato interrotto da COVID-19. Quella percentuale è molto più alta se si considerano solo uomini di classe superiore e membri di gruppi etnici come studenti ispanici e studenti asiatici americani. In totale, il 42 percento degli studenti di classe superiore del college, il 42 percento degli adolescenti ispanici e il 39 percento degli adolescenti asiatici americani hanno espresso preoccupazione per il loro futuro scolastico. 

Gli studenti sono anche sconvolti per la perdita della partecipazione sportiva. Un schiacciante 54.5 per cento di tutti gli adolescenti e il 63 per cento degli adolescenti a basso reddito ritengono che la loro partecipazione atletica sia stata interrotta da COVID-19. L'XNUMX% di questi studenti ha dichiarato di sentirsi preoccupato o triste per l'impatto. 

"La perdita di una stagione (o più) di sport e la capacità di mantenere condizionamenti, impatti sulla salute fisica e mentale, perdere una parte fondamentale della propria identità e ciò che il futuro potrebbe riservare", hanno scritto gli autori nel rapporto. “I giovani hanno perso i collegamenti con i programmi atletici con la stagione primaverile annullata e nessun altro modo per recuperare. Per gli atleti di talento, gli sport possono offrire un'opportunità per cambiare le loro vite per sempre, cosa che la pandemia ha interrotto ”.

Gli adolescenti rimangono positivi

Nonostante le interruzioni della loro vita, gli adolescenti stanno facendo uno sforzo e stanno cercando modi per rimanere positivi in ​​mezzo alla pandemia di COVID-19. 

Secondo il sondaggio, stanno facendo cose per tenerli occupati, come leggere, guardare film e ascoltare musica. Stanno trascorrendo più tempo con le loro famiglie, facendo zoom con i loro amici, restando fisicamente attivi e mangiando più sani. 

Alcuni adolescenti hanno anche iniziato a vedere alcuni aspetti positivi della vita tra COVID-19. Con le lezioni online, il 43 percento degli studenti ha riferito di aver sperimentato meno pressione scolastica e il 40 percento si è divertito ad avere un programma meno intenso. 

Di cosa hanno bisogno gli adolescenti dagli adulti

Una parte importante di ciò che ha aiutato gli adolescenti a rimanere resilienti durante questa pandemia è stato il sostegno degli adulti nella loro vita: i loro genitori, insegnanti, consulenti e altri. E senza una fine in vista, gli adolescenti hanno bisogno di ancora più supporto adattato alle loro esigenze specifiche. 

Forse più di ogni altra cosa, gli adolescenti hanno riferito il loro desiderio di rimanere in contatto su ciò che sta succedendo e su come avrà un impatto sulla loro vita. Vogliono sapere come sarà la scuola l'anno prossimo e cercare informazioni sulla durata della pandemia. 

Naturalmente, attualmente queste domande non hanno risposte. Ma, proprio come gli adulti, gli adolescenti bramano nuove informazioni. Per ridurre al minimo l'incertezza degli adolescenti e, a loro volta, la loro ansia, gli autori suggeriscono che gli adulti “tengono informati i giovani”. 

Le scuole possono fornire nuove informazioni direttamente agli studenti e personalizzarle in base al livello scolastico, suggeriscono gli autori. E i genitori possono aiutare a tenere aggiornati i propri figli su ciò che accade nel mondo che li circonda. 

Allo stesso modo, gli autori suggeriscono che i genitori possono aiutare a ridurre al minimo le ansie dei loro adolescenti tenendoli "adeguatamente informati" sulla loro situazione e sul loro stato finanziario. In alcuni casi, gli autori suggeriscono che i genitori possono persino coinvolgere gli adolescenti nella ricerca e nell'utilizzo di sistemi di supporto disponibili per le famiglie, come dispense alimentari e vari programmi di soccorso. 

E in termini di assistenza agli adolescenti per far fronte, i genitori possono monitorare i propri sentimenti e aiutare gli adolescenti a costruire una routine e dare loro un senso di agenzia. 

"Ad esempio, aiutare i giovani a identificare i modi in cui possono contribuire a una causa locale o opportunità di volontariato, o condividere esempi di giovani che stanno prendendo provvedimenti per dimostrare che i giovani non sono impotenti e possono fare la differenza", hanno scritto gli autori nel rapporto. 

Rimanere occupati è anche la chiave per mantenere la stabilità emotiva. Quindi, gli autori suggeriscono che le scuole possono provare a coinvolgere i giovani nella risoluzione dei problemi e nel processo decisionale per dare loro un senso di controllo. 

"Considerare l'espansione delle opportunità di rappresentanza degli studenti nei comitati o nei gruppi di lavoro che si occupano, ad esempio, di opportunità di apprendimento estivo, piani di ritorno a scuola, iniziative di benessere scolastico, lotta contro la fame o altre priorità nella comunità scolastica", hanno scritto gli autori. 

Le scuole e le organizzazioni di comunità possono anche aiutare ad "alleviare la noia" creando attività estive in linea con i piani estivi e le date di inizio delle scuole, hanno spiegato gli autori. 

E quando si tratta di atletica leggera, gli adolescenti possono usare questo tempo per sviluppare abilità e allenarsi. Possono allenarsi da soli o in piccoli gruppi e possono studiare libri di gioco e video per saperne di più sul loro sport. 

"(A) i culti possono supportare e guidare al meglio i giovani ascoltandoli", hanno scritto gli autori. “Invece di fare ipotesi imperfette su ciò che i giovani sentono, fidati degli adolescenti per articolare ciò che li aiuta a far fronte di più, ciò che non ottengono di cui hanno bisogno e dove si sentono più angosciati. Usando queste intuizioni, gli adulti possono trovare modi più e più efficaci per aiutare a rafforzare la resilienza degli adolescenti, specialmente per coloro che soffrono di più. "

La Rete Università