How to Manage Stress in College - Interview With Dr Danielle Merolla, Associate Director of the Center for Prevention and Outreach Stony Brook U

TUN si incontra con la dottoressa Danielle Merolla, psicologa clinica e direttrice associata del Center for Prevention and Outreach presso la Stony Brook University, per discutere i modi in cui gli studenti possono gestire lo stress al college.

TUN: Dr. Merolla, grazie mille per essersi unito a noi. 

DR. MEROLLA: Grazie per avermi invitato, Jackson. 

Lo stress è inevitabile al college. Ad un certo punto o in un altro, ogni studente sperimenterà lo stress. Ma quali sono i modi migliori per gestire lo stress in modo che non diventi consumante?

Lo stress è inevitabile, punto. Prima di tutto, dobbiamo sapere quando siamo stressati. Penso che questo sia in realtà un problema più grande di quanto penseremmo. Spesso non riconosciamo di essere stressati fino a quando non siamo completamente angosciati e ci sentiamo sopraffatti. 

È importante sapere qual è la tua linea di base. Quello che voglio dire è, come fai a sapere di essere una giornata abbastanza decente?

Quindi, stiamo guardando cose come mangiare, addormentato, stato d'animo e Social Media orma. Come fai a sapere se stessi in una giornata abbastanza decente? Che aspetto hanno quelle cose? Dobbiamo saperlo per sapere quando iniziamo a essere stressati. 

Al CPO (il Center for Prevention and Outreach), ciò su cui ci concentriamo veramente è il pezzo sulla prevenzione. Per quanto riguarda l'individuo, che aspetto ha il tuo stress? Una volta che siamo in grado di identificarlo, la speranza è di essere in grado di esserne consapevoli o di riconoscerlo quando inizia. 

Quindi, so che ho bisogno di otto ore di sonno durante la notte. Ma c'è un documento su cui sto lavorando e ci sono varie cose in corso. Negli ultimi due giorni forse ho dormito solo quattro ore. Questo è spento, in base a ciò che so di me stesso. Questa è una chiara indicazione che, ora, ho bisogno di provare a riavere quel sonno. 

Quindi, è riconoscere come lo stress ha un impatto su di noi, sia nel nostro corpo che nella nostra mente. La nostra mente e il nostro corpo sono intimamente connessi. In che modo lo stress ha un impatto fisico su di noi e quali sono le cognizioni associate al nostro stress? 

Questo è molto più facile a dirsi che a farsi, ma dirò spesso: "I pensieri hanno solo il potere che diamo loro". 

Spesso, quando i pensieri arrivano e aumentano in durata, intensità e forse anche diventando più negativi, questo è un segno che sei stressato. Quello che tendiamo a fare quando stiamo già lottando è dare a quei pensieri molta più attenzione. 

Potrebbero consumare tutto, ma, invece, riconoscere quei pensieri come un sintomo di stress è una cosa davvero importante. Il riconoscimento è il numero uno. 

Il secondo elemento è assicurarsi che le cose che hai identificato come linea di base vengano costantemente mantenute nel tempo. Le cose misurabili, come mangiare e dormire, sono molto, molto importanti. 

Un'altra cosa che sottolineo agli studenti di Stony Brook che lavorano molto duramente, a volte con aspettative irragionevoli, è che devi anche avere dei momenti in cui stai programmando le pause e che stai anche programmando del tempo per non pensare al lavoro oa qualsiasi altra cosa ma divertirsi e interagire con gli altri.

Assolutamente. Quindi, a volte, lo stress è persistente e dura per giorni, settimane o mesi. Altre volte, però, lo stress può essere causato da un evento immediato, come avere solo così tanto tempo per finire l'esame. Come possono gli studenti mantenere la calma nei momenti di stress immediato e intensificato?

La risposta molto semplice e semplicistica è respirare. So che lo sentiamo spesso, ma c'è una base biologica reale per questo. 

In definitiva, quando ci sentiamo stressati, ansiosi o qualsiasi tipo di emozione più intensa, tendiamo a respirare superficialmente. Quando respiriamo superficialmente, ha un impatto immediato sul nostro sistema nervoso che poi dice al nostro cervello che non abbiamo abbastanza ossigeno, che c'è molto da temere e molto di cui preoccuparsi. Poi, all'improvviso, il nostro corpo e la nostra mente si impegnano in questo tipo di processo iperattivo. 

Quindi, durante quei momenti, prima di affrontare un test o un evento, fare tre respiri diaframmatici profondi - respirando letteralmente dalla pancia in su - poi dice al tuo cervello: "Oh, ho abbastanza ossigeno. Va bene." 

Quindi, stiamo lavorando dal back-end. Invece delle cognizioni, rilassa il corpo per rilassare la mente. Il respiro è così importante. Saresti sorpreso di quanto spesso in un giorno non respiriamo efficacemente. Il solo ricordarsi di respirare e fare respiri profondi è un modo enorme per aiutare a mitigare alcuni di quei fattori di stress del momento e le esperienze di ansia di cui stai parlando.

Ci sono cose - forse cibi, sostanze, abitudini o routine - che gli studenti dovrebbero evitare perché sono noti per aumentare lo stress? 

Penso che il fatto che tu stia usando la "routine" sia importante. Penso che le routine siano davvero utili, soprattutto per quanto riguarda la gestione dello stress. 

Non parlo solo della routine in termini di quanto stai studiando, ma anche del tempo in cui vai a letto, quando ti svegli, quando mangi, quando fai una pausa e quando stanno esercitando. 

Il corpo deve muoversi. In questo momento in cui stiamo seduti molto di più e dietro gli schermi, dobbiamo essere davvero intenzionati a muovere i nostri corpi. 

Droghe, alcol e altre cose da evitare

Per quanto riguarda le cose da evitare, potrei approfondire l'intero argomento di come le droghe e l'alcol influenzano le nostre esperienze. In parole semplici, sappiamo che droghe e alcol possono assolutamente intensificare l'esperienza di stress, intensificare la depressione e influire sul sonno. 

Se noti un aumento nell'uso di queste sostanze, la domanda è: cosa sta succedendo? Spesso, quando stiamo cercando di cambiare il nostro stato cosciente, significa che qualcosa nel nostro stato cosciente sembra intollerabile. 

Conosci la tua linea di base

Quindi, questo risale alla conoscenza della nostra linea di base. Vuoi evitare di non dormire. Cerca di evitare di mangiare cibi che non sono necessariamente equilibrati. Non voglio dire: "Non dovresti mangiare questo". Di solito dico: "Cerca di essere equilibrato".

Se un giorno decido che devo avere tutte queste ciambelle davanti a me, voglio assicurarmi che più tardi quel giorno, ho una frutta e una verdura. Cerca di bilanciarlo. Non sono qualcuno che crede in troppa rigidità o estremi in un modo. Ma una dieta equilibrata è utile. 

L'altra cosa è che dipende davvero da dove viene il tuo stress. A volte, ciò che dobbiamo evitare sono i media. A volte, ciò che dobbiamo evitare sono le notizie oi social media. Quindi ci sono anche momenti in cui penso che disattivare queste cose possa assolutamente aiutare a bilanciare il nostro stress. 

Quando lo stress diventa opprimente e gli studenti sentono di non poterlo gestire da soli, a chi possono chiedere aiuto? Ci sono persone o risorse nel campus o online che potrebbero utilizzare?

Assolutamente. Voglio davvero sottolineare che incoraggiamo davvero gli studenti a mettersi in contatto prima piuttosto che dopo. Ma sì, ci sono assolutamente sistemi di supporto nel nostro campus che sono più accessibili, francamente, di ciò che è accessibile fuori dal campus. 

Uno di quelli che vorrei sottolineare è "Parliamo". Quindi, "Parliamo" è fondamentalmente un gruppo di consulenti che sono a disposizione degli studenti per brevi conversazioni. Non è terapia. Ma è la capacità di parlare con un consulente di qualsiasi cosa nella tua mente.

Prima ci trovavamo dall'altra parte del campus, ma ora siamo completamente virtuali. Puoi andare al collegamento virtuale "Parliamo", scegliere un orario entro il periodo di tempo disponibile e ottenere un collegamento privato e confidenziale per parlare con un consulente. 

All'inizio, se inizi a sentirti un po 'stressato, connettiti e parla con un consulente. Ma è anche un modo meraviglioso per risolvere i problemi e lavorare con quel consulente per capire: "Bene, di cosa ho bisogno in questo momento?" Quel consulente può anche essere un meraviglioso ponte verso altre risorse e supporti nella nostra comunità. 

"Parliamo" è disponibile in più campus o è disponibile solo a Stony Brook? 

"Let's Talk" in realtà è nato circa 13 anni fa alla Cornell University. Non sono sicuro del numero effettivo, ma è certamente in vari altri campus universitari. Abbiamo adottato "Let's Talk" probabilmente circa quattro anni fa. 

Da quando ci siamo trasferiti virtualmente, "Let's Talk" è stato utilizzato molto di più. Sono così grato per questo. È stato un bel posto dove gli studenti possono venire. A volte, quello spazio è sufficiente per gli studenti. Altre volte, funge da ponte verso altre risorse come i nostri servizi di consulenza e psicologia nel campus, che sono gratuiti e riservati a tutti gli studenti, le nostre risorse accademiche e il nostro team di supporto agli studenti nel campus, che è una risorsa fantastica.

Il nostro team di supporto agli studenti lavora con gli studenti su tutti i tipi di cose, tra cui disagio accademico, problemi finanziari e insicurezze alimentari. 

A volte, ciò di cui abbiamo bisogno è solo assistenza. Quando siamo eccessivamente stressati, anche scrivere un'e-mail può essere difficile. Cose come il team di supporto agli studenti e "Parliamo" hanno lo scopo di aiutare gli studenti a navigare in quei momenti.

Grazie, dottoressa Merolla, per essersi unito a noi oggi.

Grazie per avermi ospitato. Tutti, stammi bene. Stammi bene. 

Questa intervista è stata modificata per chiarezza. Guarda il video completo

La Rete Università